A- A+
Economia
Spread, Cottarelli ad Affaritaliani.it: "Ecco perché sale". L'analisi
Foto LaPresse

di Andrea Deugeni
twitter11
@andreadeugeni

Torna a correre per la seconda seduta consecutiva sul mercato secondario il differenziale fra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi, differenziale che ha chiuso a quota 254 punti, con il rendimento del decennale al 2,95%, dopo aver toccato però in giornata un massimo di 270 punti. Cosa sta succedendo allo spread, rispetto alla nuova normalità (prima delle elezioni viaggiava a quota 140 punti base circa, per attestarsi poi intorno a 230)? Affaritaliani.it lo ha chiesto a Carlo Cottarelli, ex dirigente del Fmi e commissario straordinario per la Spending review e ora direttore dell'Osservatorio Conti Pubblici dell'Università Cattolica di Milano. 

Conte salvini ape

 

Dopo un'apertura in rialzo a 255 punti, lo spread tra i Btp italiani e Bund tedeschi è schizzato a oltre 270 punti, per poi ripiegare sotto quota 260. Cosa sta succedendo sui titoli del debito nelle ultime due sedute?
"Agosto è un mese in cui i mercati finanziari sono molto sottili. Ciò significa che bastano pochi movimenti degli operatori per far cambiare prezzi e rendimenti. Per il momento, quindi, non mi preoccuperei, sperando però che il differenziale fra i Btp decennali e i Bund di pari scadenza non continui ad allargarsi. In generale, i mercati sono preoccupati per il fatto che non si conoscono ancora quali saranno le politiche del governo Conte in termini di finanza pubblica. Non sono stati fissati per il prossimo anno nè gli obiettivi nè le misure di politica economica. E' un problema".

di maio INTERVISTA LATELLA DI MAIO 01
 

Perché?
"Il governo M5S-Lega si è formato alla fine di maggio. Forse, si poteva iniziare prima a definire almeno gli elementi principali della legge di Stabilità per il 2019. Fondamentalmente il Def non c'è stato e un documento poteva essere elaborato a fine giugno. Aspettare ora fino a settembre crea incertezza. Se poi si iniziano ad annunciare misure non gradite ai mercati, lo stato delle cose può anche peggiorare. Certo è che l'incertezza non aiuta".

Facendo i conti in tasca all'esecutivo, per la prossima manovra si parte da una base 22 miliardi di euro così ripartiti: circa 12,4 miliardi serviranno per gli interventi volti a bloccare l'aumento dell'Iva, altri 3,5 miliardi per le spese indifferibilie, circa 4 miliardi per la spesa aggiuntiva per gli interessi sul debito pubblico (spread) mentre i restanti 2,5 miliardi saranno destinati a probabili ricadute sul deficit della minore crescita economica. Gli spazi per le misure promesse in campagna elettorale sono risicati...
"Togliamo dal computo complessivo i 12,4 miliardi per le clausole di salvaguardia che serviranno soltanto per ridurre il deficit che, come ha fatto capire il governo, non verrà ridotto. Si partirà da un rapporto del deficit/Pil dell'1,6-1,8%".

Tria
 

Le altre risorse, però, vanno reperite...
"Fra quelle indifferibili, alcune spese potranno essere differite. L'Italia, ad esempio, potrebbe dire che interromperà parte delle missioni all'estero. Per quanto riguarda poi i 2,5 miliardi di mancanza di gettito per la minore crescita, c'è da dire che gli obiettivi europei sono fissati al netto e corretti per la crescita. I soldi effettivamente da trovare, dunque, saranno quelli per la maggiore spesa per interessi che, se lo spread continuerà ad aumentare nei prossimi mesi, saranno di più di 4 miliardi di euro e quelli per alcune delle iniziative inserite nel contratto di governo. A questo punto, con tutto ciò che hanno promesso agli elettori, mi sembra difficile che Lega o M5S non mettano niente in manovra. Un po' di spazio in manovra ci sarà se si rinuncia a mettere a posto i conti pubblici".

borsa
 

Ciò è pericoloso per l'Italia: a che rischio ci espone? 
"In un periodo in cui, anche se non tanto, il nostro Paese cresce è necessario far scendere il decifit, perché altrimenti l'Italia rimane esposta a qualunque shock che la colpisca. Shock, oltretutto, che può essere generato anche con degli annunci sbagliati o anche mantenendo elevato il livello d'incertezza su quello che sarà il futuro".

E' per questo, secondo lei, che il governo Conte ha tenuto un vertice ristretto stamane a Palazzo Chigi proprio sulla legge di Stabiltà che arriverà in autunno?
"Sì, staremo poi a vedere se verrà annunciato qualcosa o se l'esecutivo attenderà settembre. Lo spread va fermato presto, perché è soggetto al meccanismo delle aspettative. Se parte al rialzo, è difficile poi stopparlo. Un mondo per calmierarlo sarebbe fare delle chiare dichiarazioni su quelli che sono gli intenti di Palazzo Chigi. Intenti che, perlomeno, escludano interventi ritenuti inaccettabili per chi finanzia l'Italia attraverso i titoli di Stato. Il governo dovrebbe dare un segnale rassicurante agli operatori". 

Tags:
spreadcarlo cottarelliconti pubblicilegge di stabilitàgoverno conte giovanni triaspread btp-bund

i più visti
in evidenza
La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

Schumi, parla Corinna

La moglie rompe il silenzio
"Michael è un combattente e..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.