A- A+
Economia
Tim,redde rationem il 4 maggio.Elliott sicuro della vittoria.La mappa del voto

di Luca Spoldi
e Andrea Deugeni

Vivendi tira un sospiro di sollievo: questa volta l’arbitro, ossia il Tribunale di Milano, non ha fischiato il calcio di rigore, consentendo alla partita che si sta svolgendo in Telecom Italia (Tim) tra la squadra francese e quella capitanata dal fondo statunitense Elliott Management che fa capo al finanziere Paul Singer di andare ai supplementari.

telecom ape (1)
 

Il Tribunale di Milano infatti ha accolto il ricorso presentato da Tim e Vivendi contro la richiesta di integrazione dell’ordine del giorno presentata dallo stesso Elliott perché l’assemblea di domani, 24 aprile, oltre al bilancio 2017 di Tim potesse deliberare in merito alla revoca immediata di sei consiglieri di amministrazione nominati da Vivendi e alla nomina di altrettanti nuovi consiglieri. Di fatto tutto è rimandato alla prossima assemblea del 4 maggio, convocata per rinnovare l’intero Cda.

Il rinvio è importante, perché Vivendi (socia al 23,94%) sulla carta resta in vantaggio rispetto all’accoppiata Elliott-Cassa depositi e prestiti, che insieme non arrivano al 20% e che avevano raccolto le deleghe di numerosi fondi (che nel complesso rappresentano il 53% del capitale di Tim) per ribaltare le posizioni di forza. Un lavoro da rifare, in tempi strettissimi, perché le deleghe raccolte da Elliott, con l’aiuto dei due proxy advisor Iss e Glass Lewis e di Equita Sim, valgono per ogni singola assemblea.

1512551257 amos genish
 

Per contro la decisione di Assogestioni di non presentare liste di candidati al Cda all’assemblea del 4 maggio continua a giocare contro Vivendi, consentendo ai singoli fondi di schierarsi come meglio credono. Al momento si sa che sono pronti a votare i candidati di Elliott (al momento accreditato di un 13,7% di capitale), oltre a Cdp (socia al 4,3% di Tim), i fondi di Kairos Partners (controllata italiana del gruppo svizzero Julius Baer, accreditata di un 2,4% circa di Tim), la tedesca Shareholder Value Management (all’1%, ma impegnata in questi giorni a raddoppiare la partecipazione).

Vengono dati come probabili supporter il Canadian Pension Fund e BlackRock (4,99% frazionato in più posizioni singole), mentre non sono ancora state formalizzate le posizioni di grandi azionisti come la spagnola Abante Asesores Gestión (cui fa capo circa il 4,92% di Tim), Gam Investment Management (4,6%), Fineco (4,24%), Skagen (4,09%) o Oudart Gestion (3,97%). Negli scorsi giorni si era parlato di un 30%-35% del capitale in mano ai fondi pronto ad appoggiare Elliott e in caso di massiccia partecipazione (o nuova raccolta deleghe) anche all’assemblea del 4 maggio tale valore non dovrebbe cambiare significativamente.

small 161223 142859 to231216eco 0018
 

Ma il fatto che pochissimi nomi siano usciti allo scoperto sinora potrebbe anche significare che Vivendi ha ancora qualche asso nella manica, o più semplicemente che molti gestori stanno attendendo eventuali rilanci da parte del gruppo che fa capo alla famiglia Bolloré prima di decidere chi sostenere in assemblea. L'amministratore delegato di Tim Amos Genish ne è consapevole e non ha caso stamane ha passato la mattinata in Mediobanca, advisor di Tim sulla partita, ad incontrare gli investitori istituzionali.  

Tra i sostenitori potrebbero verosimilmente esservi gli azionisti di nazionalità francese, come la stessa Oudart Gestion, Financière de l’Echiquier (3,25% di Tim), Edmond de Rothschild (3,06%) piuttosto che Bouvier Gestion (3,05%) o Caisse des dèpots et consignations (0,79%).

Nella migliore delle ipotesi i Bolloré potrebbero dunque veder schierati con loro circa un ulteriore 15% del capitale complessivo, la metà o meno dei fondi che sembrano pronti ad appoggiare Elliott e Cdp: in questo caso a far pendere la bilancia da una delle due parti finirebbe con l’essere una manciata di voti, visto che in assemblea il 4 maggio potrebbero schierarsi da parte francese circa il 40%-45% del capitale, da parte italiana circa altrettanto.

elliot Paul Singer ape
 

Se invece Elliott e CdP riusciranno a ricompattare il fronte dei gestori insoddisfatti della gestione Vivendi non dovrebbe esservi partita. Un esito che per gli americani è comunque scontato. "Votare il 4 (maggio, ndr) senza dilazioni ulteriori porta - spiegano alcune fonti vicine al dossier Tim - alla risoluzione in tempi brevi della questione, come auspicato sia dal ceo di Tim che da altri fondi. Si dovrà aspettare qualche giorno in piu' (il 4 maggio anzichè il 24 aprile, ndr) ma è prevedibile che l'esito sarà ancor più incisivo. Elliott ha chiesto di votare per ridurre il peso dell'influenza di Vivendi nel cda di Tim, ma gli amministratori nominati da Vivendi hanno scelto di dimettersi impedendo agli azionisti di votare la proposta di Elliott. Il fondo Usa avrebbe preferito che la società non venisse trascinata in una querelle legale e lo stesso auspicio era condiviso dai sindaci. E' comunque un bene che si sia arrivati al voto di rinnovamento che Elliott e il mercato chiedevano per ridurre l'influenza di Vivendi".

Ovviamente tutto dipenderà dall'affluenza dei soci in assemblea. In media nelle ultime assise dei soci di Telecom la presenza media del capitale presente in assemblea è stata del 58-60%. Per l'appuntamento di domani ha depositato le azioni il 68% del capitale. Il sospetto del mercato, a giudicare dalla reazione estremamente prudente del titolo, è che con buona pace dei proclami di questi giorni la partita possa essere tesa ed equilibrata fino all’ultimo minuto, salvo ulteriori colpi di scena. Scontri così in Borsa non se ne vedevano dall'epoca della battaglia fra Pietro Salini e Beniamino Gavio su Impregilo

Tags:
timtelecomtribunale su ricorso tim vivendi contro elliottassemblea timfondi con elliottfondi con vivendisoci telecom
in vetrina
Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

i più visti
in evidenza
Pif, ecco il suo primo romanzo "...che Dio perdona a tutti"

Novità editoriali

Pif, ecco il suo primo romanzo
"...che Dio perdona a tutti"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.