A- A+
Economia
Tim, speculazione sul Brasile. In agenda la vendita della controllata

di Luca Spoldi e
Andrea Deugeni

Telecom Italia, e ora che succede? La giornata di ieri è di quelle da segnare sul calendari, per la nomina di Amos Genish alla carica di Ceo del gruppo con particolare responsabilità per il Sud America (e quindi per Tim Brasil), mentre buona parte delle deleghe operative restano nelle mani del presidente esecutivo Arnaud De Puyfontaine, che fin dal giugno scorso sta operando come “conciliatore” per ridurre ogni tensione tra Vivendi (di cui è presidente del consiglio direttivo) e lo stato italiano, ma anche del vice presidente esecutivo, l’italiano Giuseppe Recchi, che supervisionerà in particolare tutte le attività relative a sicurezza e difesa (dunque Sparkle e Telsy).

telecom ape (1)
 

Genish, ex capitano d’artiglieria dell’esercito israeliano durante la guerra del Libano del 1982, il Sud America lo conosce bene, avendo fondato assieme a Joshua Levinberg Global Village Telecom (Gvt), una startup riuscita a diventare il principale operatore brasiliano nel campo della banda ultralarga prima di essere acquistata da Vivendi, nel 2009, per 4,8 miliardi di euro. Gvt venne poi rivenduta dal gruppo francese alla spagnola Telefonica quasi al doppio (7,24 miliardi di euro) nel settembre del 2014 e il gruppo spagnolo (per cui Genish continuò ad operare come Ceo di Telefonica Brasil sino a fine 2016) pagò parte di quella cifra con un 5,7% di Telecom Italia.

Visto l’abilità del manager nel gestire operazioni di finanza straordinaria e la sua conoscenza profonda del mercato brasiliano, la sua delega fa presupporre che la cessione di Tim Brasil non sia più un argomento “tabù”, cosa che sembrano aver pensato negli ultimi mesi anche alcuni gestori di fondi carioca, riposizionatisi su Tim Participacoes, holding a cui fa capo Tim Brasil che da inizio anno ha guadagnato quasi il 50% sulla borsa di San Paolo, contro il +26% dell’indice Bovespa. Per ora tuttavia l’obiettivo di Genish è quello di migliorare la “customer experience” di Telecom Italia (Tim), accelerando la digitalizzazione dei processi e della relazione coi clienti e spingendo verso la convergenza telecomunicazioni-media.

bollorè ape
 

Gli analisti di Credit Suisse ritengono che il nuovo Ceo si concentrerà sulla trasformazione del business negli anni con focus sull'efficienza derivante dalla digitalizzazione e semplificazione. Per gli esperti queste mosse saranno quelle giuste e andranno a generare ritorni nel medio termine. 

Sempre sul fronte del business, ricordano gli uomini di Equita Sim, il Cda di Tim ha approvato la costituzione di una joint venture con Canal+ (altra controllata di Vivendi), per la produzione/coproduzione di contenuti e l’acquisizione di diritti tv, anche sportivi. “Pensiamo che gli investimenti su questo fronte rimarranno prudenti, vista la limitata base clienti (e limitata operatività) di Tim Vision” spiegano gli uomini di Equita Sim, pur ricordando come nelle settimane scorse fossero circolate voci sul fatto che Vivendi potesse invitare Mediaset a conferire la sua pay-tv (Premium) nella costituenda joint-venture.

Mediaset finora ha sempre negato di aver ricevuto proposte da Vivendi, ma per gli esperti “il deconsolidamento di Premium, per la quale stimiamo una perdita a livello di flussi di cassa operativi di circa 140 milioni di euro nel 2017 e 60 milioni nel 2018”, sarebbe una notizia positiva per Mediaset. A patto, ovviamente, di trovare una soluzione al tema “della valorizzazione di Premium, sulla base della causa per danni avviata da Mediaset contro Vivendi (765 milioni di euro nella nostra somma delle parti)”.

recchi
 

Per quanto riguarda invece l’eventuale attivazione del “golden power”, il comitato interministeriale ha avviato, sempre ieri, un iter sanzionatorio contro Tim per la mancata comunicazione della modifica del controllo. L’ex monopolista telefonico italiano intende contestare la posizione del governo, ma il procedimento è destinato a chiudersi comunque entro 120 giorni e potrebbe portare, ricordano ancora gli uomini di Equita Sim, ad eventuali penali “fino al 1% dei ricavi di gruppo (circa 300 milioni)”. Quanto alla strategicità degli asset, il comitato avrebbe ritenuto tali non solo l’infrastruttura di rete internazionale di Sparkle e gli apparati per il criptaggio delle comunicazioni di Telsy, ma anche tutta la rete di Telecom Italia. Resta tuttavia da capire quali rimedi verranno, nel caso, richiesti in concreto a Vivendi.

Secondo Equita Sim non si dovrebbe comunque arrivare a una separazione forzata delle infrastrutture e a maggior ragione “sembra improbabile un intervento su Inwit (primo gestore di torri di trasmissione in Italia, secondo in Europa, controllata da Telecom Italia al 60%), che controlla asset simili a quelli posseduti da Vodafone e 3Wind, su cui il governo non ha mai sollevato obiezioni al momento del passaggio di controllo”.

Insomma: dopo mesi passati a speculare di uno scorporo di Tim-reti (che potrebbe valere sui 16- 18 miliardi di euro) e di una cessione (ma a chi?) di Sparkle e Telsy (altri 1,5-2 miliardi), di abbattimento dell’indebitamento e di fusione Mediaset-Telecom Italia, torna a farsi strada in queste ore l’idea che forse cedere Tim Brasil, trovare un’intesa con Mediaset che non preveda per forza di cose un’integrazione societaria quanto una partnership industriale e raggiungere un armistizio col governo italiano è una ricetta in grado di ottenere risultati migliori in tempi (e con sforzi) minori. Intanto, per l'iter sanzinatorio avviato dal Governo italiano, il titolo Tim finisce in rosso in Borsa. 

Tags:
telecom italiaamos genishviventigolden powerbusiness tim

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli infortunio più grave del previsto. E ora Gattuso...

Milan, Alessio Romagnoli infortunio più grave del previsto. E ora Gattuso...

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.