A- A+
Economia
Trading on line, benvenuti al Casinò Italia. L'inchiesta

L’allarme della Consob sugli abusivi. Piattaforme d’investimenti che assomigliano (volutamente) a slot machine, siti che invitano a investire a debito, operatori senza licenza e utenti impreparati che si rovinano. Il tutto condito da una pubblicità martellante e avvertenze incomprensibili. Benvenuti nel caos del trading on line in Italia al quale la rivista Tempi dedica questa settimana un’ampia inchiesta a firma di Mariarosaria Marchesano. Il servizio parte dall’allarme lanciato di recente dalla Consob e ripreso anche nell’ultima relazione annuale del presidente Giuseppe Vegas.

“Nel settore si registra in Italia la presenza di numerosi soggetti abusivi, cioè sprovvisti di autorizzazione ad operare nel nostro Paese, che offrono contratti tramite internet e che non sono sottoposti a vigilanza amministrativa da parte di alcuna Autorità”. E’ quanto scrive l’autorità di vigilanza in una comunicazione di febbraio finora poco conosciuta. Il terreno più scivoloso è rappresentato da tre categorie di prodotti: rolling spot forex, cfd (contratti per differenza) e opzioni binarie. Scrive la Consob: “La caratteristica comune di questi prodotti è che hanno strutture e modalità di funzionamento tali da essere associati a rischi rilevanti e difficilmente comprensibili e valutabili. Per tali ragioni non sono adatti alla maggior parte degli investitori”.

Ma ciò che sembra preoccupare di più la Vigilanza sono le opzioni binarie, operazioni di gran moda e in netta crescita grazie anche alla larga diffusione che stanno avendo tra i tifosi del calcio. “Presentano una struttura (e quindi rischi) simili a quella di una scommessa. Spesso si caratterizzano per la brevissima durata – ad esempio un'ora o, addirittura, un minuto – accentuando così all'estremo il carattere di scommessa, in quanto è particolarmente difficile, se non impossibile, fare previsioni con un minimo di fondamento in un così breve periodo di tempo”. Anche quello di pratiche commerciali particolarmente invasive e di messaggi fuorvianti è un tema affrontato dalla Consob che arriva alla seguente conclusione: “In tali condizioni i risparmiatori finiscono, quasi sempre, per avviare l’operatività senza una reale e preventiva comprensione e valutazione dell’effettiva portata dei rischi ad essi connessi e per perdere tutto o gran parte di quanto hanno investito”.

Tags:
trading on linebenvenuti al casinò italia

in vetrina
Lory Del Santo al Grande Fratello Vip 3 dopo la tragedia del figlio? Parla la produzione del GF VIP 3

Lory Del Santo al Grande Fratello Vip 3 dopo la tragedia del figlio? Parla la produzione del GF VIP 3

i più visti
in evidenza
"Mai amato Silvia Provvedi" Su Belen e Moric rivela che...

FABRIZIO CORONA CHOC

"Mai amato Silvia Provvedi"
Su Belen e Moric rivela che...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.