A- A+
Economia
Traffici marittimi, il rapporto in anteprima su Affaritaliani.it
Di Eduardo Cagnazzi
 
Meccanica e Made in Italy trainano l'export  tricolore verso il Mediterraneo che è sempre più centrale nell'ambito delle strategie marittime globali. Una centralità che si deve non solo ai traffici attraverso Suez e Panama ma soprattutto alla Cina e alla sua strategia nell'acquisizione di infrastrutture logistiche e portuali. Una strategia finalizzata a realizzare porte di accesso verso l'Europa e l'Area Mena attraverso la cosiddetta Via della Seta che sta interessando anche l'Italia con l'acquisizione di una partecipazione nella piattaforma container in costruzione nel porto di Vado Ligure.
 
Se l'interscambio verso i Paesi del Mediterraneo è risultato nel 2015 pari a 49 miliardi di euro, al netto dei prodotti energetici, in crescita del 96,9% rispetto al 2001, nel 2018 l'import-export verso quest'area salirà a 56 miliardi di euro. E nei prossimi anni aumenterà ancora, visto che già oggi il 76% dell'interscambio viaggia via mare. Le stime sono degli analisti di Srm, il Centro studi di Intesa Sanpaolo che domani presenterà a Napoli l'annuale Rapporto sulle relazioni economiche tra l'Italia e i paesi che si affacciano sul Mare Nostrum. Da qui l'esigenza per i porti italiani,  soprattutto quelli ubicati nel Mezzogiorno  che pure hanno registrato nel 2015 un interscambio per un valore di 14 miliardi di euro (il 20% del totale), ed i terminali di logistica di ammodernare ed adeguare le proprie infrastrutture, pena la perdita di competitività.
 
I porti di Tangeri, Pireo e Porto Said hanno già investito ingenti risorse ed i loro traffici stanno aumentando con percentuali a due cifre. In Italia solo Vado Ligure sta dando un forte segnale di costruire una porta di accesso verso l'Europa e l'Area Mena per sviluppare le relazioni commerciali con la Cina, altri porti stanno per il momento a guardare e quei pochi progetti messi in cantiere stentano a partire. Occorre pertanto una politica di sviluppo, evidenzia il rapporto, che ponga la logistica portuale al centro dell'attenzione. La filiera marittima è il volano dell'economia e contribuisce il propellente dell'internazionalizzazione per le imprese che hanno sempre più bisogno di efficacia ed efficienza di raggiungere i mercati di riferimento. Ciò che occorre pertanto è dare piena attuazione alla riforma della portualità, recentemente approvata in via definitiva poiché i principali competitor stanno continuando ad investire e a correre per raggiungere nuove fette di mercato.
 
Ciononostante, l'export italiano, rileva il Centro studi napoletano, è comunque ben posizionato nell'Area Mena in tutti i principali comparti produttivi. I prodotti della terra e trasformati, mobilio, materiali da costruzione e gioielleria sono però quelli che trainano maggiormente le vendite, nonostante l'instabilità politica in alcuni Paesi. I traffici marittimi aumentano soprattutto verso gli Emirati Arabi, il principale mercato di sbocco del Made in Italy. Ma con il manifatturiero l'Italia è ben posizionata anche in Israele (5,3%) e in Iran (3,1%), dove è seconda solo alla Germania per quote di mercato. Rilevato che in termini di quantità l'Italia resta il Paese europeo che registra il maggiore volume di scambi con il Mediterraneo con 58 milioni di tonnellate di merci, che il Canale di Panama  continuerà a rafforzare la portualità della sponda atlantica degli Usa e che il raddoppio del Canale di Suez sta accentuando la centralità geo-economica del Mediterraneo, gli analisti di Srm giungono a questa conclusione:  i porti italiani hanno una grande opportunità da cogliere per sviluppare ulteriormente i propri traffici ma occorre che investano su logistica, intermodalità e snelliscano le procedure. Solo così potranno competere ad armi pari con quelli più attrezzati.
 
Tags:
traffici marittimi rapporto

in vetrina
Lory Del Santo al Grande Fratello Vip 3 dopo la tragedia del figlio? Parla la produzione del GF VIP 3

Lory Del Santo al Grande Fratello Vip 3 dopo la tragedia del figlio? Parla la produzione del GF VIP 3

i più visti
in evidenza
"Mai amato Silvia Provvedi" Su Belen e Moric rivela che...

FABRIZIO CORONA CHOC

"Mai amato Silvia Provvedi"
Su Belen e Moric rivela che...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.