A- A+
Economia
Conti pubblici, Tria: “Non siamo i malati dell’Europa”
Foto IPA

"L'Italia non è fragile, non è il malato d'Europa. Il governo ha ribadito più volte che le riforme verranno portate avanti nell'ambito dell'equilibrio dei conti pubblici e a fine mese, quando questo impegno diventerà un fatto con la Nota di aggiornamento del Def, lo spread si sgonfierà". Lo dice il ministro dell'Economia Giovanni Tria, intervistato dalla 'Repubblica', commentando la decisione di Fitch di non cambiare il rating dell'Italia, confermando 'BBB', ma portando l'outlook da 'stabile' a 'negativo'. Secondo Tria, l'Italia subirà un contraccolpo dalla conclusione del programma di acquisto da Francoforte dei titoli di Stato: "L'intervento della Bce non era un supporto al debito italiano, ma alle dinamiche di trasmissione monetaria dell'area euro. L'acquisto di titoli ha riguardato in modo proporzionale tutti i Paesi, e quando cesserà subiremo un contraccolpo come gli altri, con la differenza che da noi la crescita è meno forte".

Commenti
    Tags:
    triatria italia europatria conti pubblici
    i più visti
    in evidenza
    Lagerfeld morto a 85 anni Addio al genio di Chanel e Fendi

    Costume

    Lagerfeld morto a 85 anni
    Addio al genio di Chanel e Fendi


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel protagonista nel campionato europeo rally con la nuova Corsa

    Opel protagonista nel campionato europeo rally con la nuova Corsa

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.