Turchia, la crisi spaventa i mercati. Piazza Affari chiude a -2,51% - Affaritaliani.it
A- A+
Economia
Turchia, la crisi spaventa i mercati. Piazza Affari chiude a -2,51%

di Andrea Deugeni
twitter11
@andreadeugeni

Non si arresta il crollo della lira turca che ha perso fino al 17% a 6,8 contro il dollaro. Borsa di Istanbul a picco. L'indice Bist 100 è arrivato a cedere l'8,8% (gli scambi sono frenetici sui titoli bancari). Quello della valuta di Ankara è un trend negativo che non si arresta e che ha spinto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a invitare i propri cittadini a non farsi prendere dal panico, denunciando "campagne" contro il Paese.

unicredit
 

"Ci sono diverse campagne in corso, non prestate loro alcuna attenzione", ha detto il numero uno di Ankara secondo quanto riporta l'agenzia di stampa statale Anadolu, citata da Bloomberg. "Non dimenticate questo: se loro hanno i dollari, noi abbiamo la nostra gente, il nostro diritto, il nostro Allah". Gli investitori, in un mercato dagli scambi più sottili per la fase estiva e già nervoso per le tensioni commerciali innescate dalle politiche protezioniste di Donald Trump, hanno tirato il freno a mano. Il presidente Usa ha deciso di raddoppiare i dazi su acciaio e alluminio turchi rispettivamente al 50 e al 20%: "Le nostre relazioni non sono buone in questo momento!", twitta The Donald.

La crisi turca mette in subbuglio i mercati mondiali: la Borsa di Milano chiude in forte calo con l'indice Ftse Mib che cede il 2,51% a 21.091 punti. Male anche le altre europe. Lo spread tra il Btp italiano e il Bund tedesco risente delle fibrillazioni sui mercati e sale a 260 punti base, con il rendimento oltre il 2,95%. Del clima teso se ne accorge anche il Tesoro che ha assegnato sei miliardi di Bot annuali con un rendimento che riconquista territori scomparsi dal gennaio 2014: 0,679%, in rialzo di 34 punti base dall'asta di luglio. La domanda è stata buona, 10,74 miliardi con rapporto di copertura 1,79. Le Borse asiatiche hanno chiuso negative, nonostante dati macroeconomici giapponesi migliori delle stime degli analisti.

Directa intermedia oltre 21 miliardi di euro nel 2016
 

 

usa turchia bandiere ape
 

La maglia nera tra i titoli a più alta capitalizzazione va a Unicredit (ad Ankara controlla il colosso nazionale Yapi Kredi), in ribasso del 4,73% mentre Intesa Sanpaolo ha ceduto il 3,65%. A pesare c'è un articolo del Financial Times secondo cui i supervisori della Bce sono preoccupati per l'elevata esposizione delle banche dell'Eurozona nei confronti del debito turco. Il quotidiano cita in particolare Unicredit, Bnp Paribas e Bbva.

Il settore bancario è quello soffre di più a Piazza Affari, dove sono toccati dalle vendite soprattutto Intesa Sanpaolo, Banco Bpm e Ubi Banca. In flessione anche Leonardo - Finmeccanica. Tra i pochi titoli in controtendenza sono Unipol e la controllata Unipolsai, che stamattina hanno diffuso i conti del primo semestre, chiuso dalla holding con un utile netto a 644 milioni. Fuori dal listino principale strappa Ceramiche Ricchetti sulla scia della notizia che QuattroRSgr acquisterà il controllo e lanceranno un'Opa totale. In flessione Banco Bpm, con l'ad Giuseppe Castagna che ha spiegato a Il Sole 24 Ore come «lo spread non abbia cambiato i piani» della banca sul fronte del derisking e si vada verso una cessione «da 9 miliardi» di Npl.

Da Unicredit "no comment" su esposizione Turchia - Unicredit ha chiudo in deciso ribasso ma in recupero rispetto alla flessione di oltre il 6% registrata nel corso delle contrattazioni del pomeriggio. L'istituto non ha rilasciato commenti sull'articolo del Financial Times. Tra gli altri istituti citati dal quotidiano per l'eccessiva esposizione verso la Turchia ci sarebbero anche Bbva e Bnp Paribas, rispettivamente i titoli peggiori sui listini di Madrid e Parigi. E alla Borsa di Istanbul tra i titoli in rosso c'è quello di Yapi Kredi Bank (gruppo Unicredit), tra i più scambiati nella seduta.

Turchia
 

Nonostante il calo dell’incertezza a livello politico, il futuro della Turchia resta nebuloso e chi può disinveste: la lira turca subissata da ordini di vendita aggiorna continuamente i nuovi minimi sul dollaro, in calo di oltre il 30% da inizio anno.

Le politiche del presidente Erdogan sono in aperto contrasto con i paesi occidentali (si parla di sanzioni dagli Usa): dopo la vittoria elettorale di giugno, il numero uno di Ankara ha ridotto ancor più l'autonomia della banca centrale impedendo una stretta monetaria giudicata necessaria in uno scenario mondiale di tassi in rialzo.

Anche i dicasteri economici sono stati posti sotto stretto controllo del presidente aumentando cosi' i timori degli investitori. La situazione è peggiorata dopo l’imposizione delle sanzioni statunitensi (legate all’arresto del pastore americano Andrew Brunson, accusato di favoreggiamento dell’organizzazione terroristica Feto cui si fa risalire il fallito golpe del 2016), che oltre a pesare sui cambi stanno facendo ritoccare i massimi storici ai rendimenti obbligazionari di riferimento, col tasso sui titoli a 10 anni ormai sopra il 20% (dal 13,9% di tre mesi fa) e il costo necessario ad assicurare un’esposizione al debito turco (credit default swap) a 5 anni già cresciuto del 110% circa da inizio ano (l’incremento maggiore di tutti i mercati emergenti). Questo senza contare le sanzioni all'Iran che nell'area pesano soprattutto sull'economia turca.

Ciò, a catena, alimenta dunque ulteriori preoccupazioni per la tenuta di un’economia che sta surriscaldandosi, in particolare per quanto riguarda il settore delle costruzioni, con l’inflazione che è già salita al livello più elevato degli ultimi 15 anni, sopra il 15% annuo. Le banche, fra cui l'italiana Unicredit, la spagnola Bbva e la francese Bnp Paribas (a Madrid il Bbva accusa una flessione del 3,8%, mentre a Parigi Bnp cede il 2,5%), sono esposte a costi di finanziamento più elevati a fronte di quasi 100 miliardi di dollari di debito per il sistema complessivo in scadenza entro i prossimi 12 mesi.

Per questo a inizio settimana la banca centrale turca ha provato ad incrementare di 2,2 miliardi di dollari la liquidità in dollari per le banche, ma ciò non è bastato ad impedire ulteriori indebolimenti della lira e dei titoli obbligazionari. Insomma, il contagio turco inizia a sortire i propri effetti. 

Tags:
turchiaerdogancrollo lira turca

i più visti
in evidenza
Un nomignolo da usare in privato Così Harry chiama Kate Middleton

Costume

Un nomignolo da usare in privato
Così Harry chiama Kate Middleton

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Sticchi Damiani (ACI): “la sicurezza viene prima di tutto”

Sticchi Damiani (ACI): “la sicurezza viene prima di tutto”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.