Turismo 2010/ L'Enit vede rosa: "2010 di ripresa, attesi 40 milioni stranieri"

Giovedì, 8 aprile 2010 - 14:49:00

Matteo Marzotto
Matteo Marzotto
La crisi sembra davvero alla spalle per la prima azienda italiana, quella del turismo. Dopo i buoni dati di Pasqua, anche le previsioni per l'estate sono molto positive. A certificarlo è l'Ente nazionale del turismo che ha presentato i dati degli Uffici ENIT-Agenzia all'estero raccolti presso i Tour Operator stranieri che commercializzano il nostro Paese nelle loro proposte turistiche. Ebbene, quello in corso sarà l'anno del riscatto per il comparto che tornerà ad ospitare gli stranieri.

''Il 2009 - spiega il presidente Enit Matteo Marzotto- e' stato un anno di grande trauma, dopo dieci anni di crescita, e la coda del 2009 sarà più lunga di quello che ci immaginiamo. Il 2010, però, dimostra una certa reazione e per questo ipotizziamo 40 milioni di arrivi, per 4,5 giorni medi di presenza. Non escludiamo quindi di poter tornare ai dati del 2008, anno pre-crisi''.

"Abbiamo un osservatorio che sono le nostre 26 sedi di lavoro che coprono vari Paesi e che hanno un rapporto quotidiano con i tour operator. Con loro - continua Marzotto - facciamo ogni anno il punto sulla stagione estiva a partire dalla Pasqua, che rappresenta un test importante. Il 71% degli operatori dichiara che nel 2010 la destinazione Italia avrà un aumento dei flussi turistici e ci dice che è una delle tre destinazioni preferite. In base agli ordini si aspettano per il 2010 una crescita a doppia cifra. E la conferma viene dal Wto che indica il turismo globale in crescita nel 2010 del 3-4%".

Insomma, cambia il modo di fare le vacanze, ma non cambia la forte attrattiva internazionale del nostro Paese. Prenotazioni fatte a ridosso delle festività, soggiorni brevi, magari ripetuti nel corso dell'anno e richieste più volatili, stanno rimodulando la domanda degli ospiti stranieri che tendono ad essere più attenti al rapporto qualità/prezzo, ma non a rinunciare alle proposte interessanti delle vacanze italiane.

L'Italia beneficerà quest'anno del 'risveglio' della Spagna "che e' un mostro competitor ma ha anche storicamente uno scambio di flussi con il nostro Paese; si stanno muovendo bene Usa e Canada e qualche segno positivo viene dal Giappone. C'e' una base solida di turisti tedeschi e francesi ma con la globalizzazione e nuovi mercati che crescono ci aspettiamo un milione di cinesi quest'anno", assicura il presidente dell'Ente.

Ma è l'ecoturismo la nuova frontiera del turismo internazionale. Ne è convinto il direttore generale Paolo Rubini secondo cui "il nostro Paese può offrire, unico nel mondo, luoghi con un ambiente incontaminato insieme ad un life style inconfondibile. E' su questo aspetto che dovrà giocarsi la partita, per rendere l' Italia una destinazione turistica d'eccellenza, irripetibile e non comparabile con quelle degli altri Paesi".

Quanto al giro d'affari, Marzotto ha confermato che anche nel 2010 l'Italia si manterrà ''nella top five dei Paesi per quantità di valuta creata dal turismo straniero'' sottolineando che in termini di fatturato il turismo in Italia vale 31-32 miliardi. Un settore - ha aggiunto - che vale il 10% del Pil''.

0 mi piace, 0 non mi piace



Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA