A- A+
Economia
Un’idea per il reddito di cittadinanza? Studiare il modello Sixthcontinent

Da qualche giorno si parla di una proposta che, secondo alcuni, potrebbe in qualche modo rappresentare una svolta  per la questione del “ reddito di cittadinanza”, una delle priorità del programma dei 5s, ma di non facile attuazione dal punto di vista della sostenibilità economica. Invece di erogare un contributo a fondo perduto, infatti, con questo sistema si avrebbe una redistribuzione di reddito sotto forma di aumento del potere di acquisto dei cittadini in difficoltà economica. Questo metodo, infatti, consisterebbe nell’utilizzo di una carta ricaricabile elettronica prepagata emessa dallo Stato.Ogni volta che questa card viene utilizzata per pagare un qualsiasi acquisto di beni e/o servizi, tramite i canali di pagamento tracciabili come il circuito POS, il cellulare o computer, il potere d’acquisto moltiplica del 40% ottenendo così, un Plus in denaro elettronico da poter spendere “con totale copertura finanziaria”.

In primo luogo, questo bonus (che, come si è detto è utilizzabile solo se speso e non risparmiato) genererebbe reddito per i venditori a cui sia rivolgerebbero gli acquisti dei beneficiari del Plus, e questi venditori, spenderebbero a loro volta questo reddito o per acquisti da fornitori o per spese in beni di consumo, i destinatari dei loro acquisti, a loro volta, spenderebbero il loro reddito per i loro acquisti, e così via per ondate successive. Lo schema ricalca quello del “moltiplicatore keynesiano” del reddito (e così viene spiegato anche negli esempi riportati nel filmato), anche se l’ammontare complessivo dell’effetto moltiplicativo del reddito indotto dal “Plus” sarà più piccolo di quello del moltiplicatore keynesiano del reddito semplificato e sarà invece, più verosimilmente, vicino a quello dei “moltiplicatori” di politica fiscale che caratterizzano i macromodelli previsivi utilizzati dalla BCE e dai centri di ricerca. In ogni caso, l’effetto moltiplicativo del reddito generato dal Plus sarebbe molto forte e in grado di generare un significativo effetto di aumento della domanda aggregata, favorendo la ripresa e generando un flusso di imposte IVA sulle transazioni ed imposte sul reddito dei venditori, create dalla spesa aggiuntiva dal “Plus”, (il 40% del denaro che il cittadino può spendere in più anche “senza averlo”).

Il fatto interessante e, per certi versi, sorprendente, è che la proposta del “reddito EuroPlus”, non solo funzionerebbe, se fosse fatta propria dal Governo, ma darebbe anche risultati più incisivi e più equi, sul piano sociale, di varie misure prese dal Governo. Questa proposta, supera infatti l’esame di una lettura attenta e precisa delle sue implicazioni macroeconomiche e di finanza pubblica. Va da se’ che un modello simile  crea un effetto volano sull’economia, risolvendo il problema delle coperture finanziarie. Perché  il semplice reddito di cittadinanza, come inserito nel programma dei 5 stelle, distribuito a “pioggia” a chi non lavora e non ha reddito, non  sarebbe necessariamente ed automaticamente immesso nel circuito produttivo, potendo in alcuni casi restare fermo nelle tasche di chi lo riceve. Inoltre con questo sistema di reddito digitale,  si supererebbero anche i dubbi di chi, anche all interno della stessa maggioranza, come Salvini, vede nel reddito di cittadinanza una sorta di sussidio assistenziale. Molti però potrebbero obiettare che il sistema sarebbe di difficile attuazione, non essendo ancora stato testato. Invece su questo punto bisogna fare un distinguo, perché proprio in Italia, già esiste un’Azienda privata che adotta questo rivoluzionario sistema di reddito di cittadinanza digitale da due anni.

Si chiama Sixthcontinent, una piattaforma di ecommerce, che grazie ad un elaborato sistema di algoritmi e’ riuscita a creare un circolo virtuoso fra utenti ed aziende che aderiscono, che permette ai cittadini di avere  piu’ crediti da spendere per i propri acquisti e alle aziende di avere incrementi di  fatturato importanti, generati dagli stessi utenti. Il sistema e’ stato gia’ testato, come dicevamo e vede ad oggi la presenza di oltre 3000 aziende e 45000 utenti, che ricevono ogni giorno reddito di cittadinanza da spendere negli acquisti nel circuito. I risultati sono davvero sorprendenti sia per i “cittadini “ che vedono aumentare del 20/30% il loro potere di acquisto mensile e sia per le imprese che vedono di conseguenza i loro fatturati e profitti crescere. Ogni mese sixthcontinent aumenta il giro di affari del 30%, e questo ad indicare come la formula potrebbe benissimo adattarsi anche al tessuto produttivo italiano, formato da una miriade di microimprese. E per questo che il sistema “ sixthcontinent” dovrebbe e potrebbe essere adottato come esempio dai tecnico del ministero dell’Economia per creare un sistema di reddito di cittadinanza equo, sostenibile nel tempo e soprattutto utile sia per i Consumatori che per le Imprese.

vcaccioppoli@gmail.com

Tags:
reddito cittadinanza

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.