A- A+
Economia
UniCredit-Boschi, ultimatum di Mieli a Ghizzoni: "Devi parlare entro 24 ore"

Povero Federico Ghizzoni!!!! Paolo Mieli lo invita con solennità a parlare. E dice che se entro domani l'ex capo di UniCredit non dirà tutta la verità sul caso Boschi (confermando, ovviamente le accuse alla ministra), "magari con un'intervista proprio al Corriere", non sarà più un uomo degno di stima e diventerà un quacquaracqua.

Così al teatro Parenti, a Milano, pieno di gente, in una presentazione senza contraddittorio del libro di Ferruccio De Bortoli Poteri forti, tra affettuosità giornalistiche e copie firmate, per la gioia della bravissima Elisabetta Sgarbi, che con la sua casa editrice La nave di Teseo ha fatto da maieuta al popolare Ferruccio.

Si fa capire che è stata fatta prima una riunione tra i presentatori per decidere di far fuori subito il caso del giorno. Si fa intuire, dico e non dico, che la fonte di De Bortoli è stato Ghizzoni (Mieli parlando col suo tipico bofonchio, praticamente lo dice).

Guarda il video della presentazione del libro dell'ex direttore del CorSera Ferruccio De Bortoli al teatro Parenti

 

Ma evidentemente non ci sono riscontri oggettivi, solo un flatus vocis? Un sussurro? Una confidenza? Un pissi pissi, avrebbe detto Cossiga. E senza riscontri, la mia parola contro la tua, sarà difficile fronteggiare adeguatamente l'annunciata querela della ministra. Un bel guaio.

E allora Ghizzoni, che non ha mai parlato in vita sua come prescrive la regola numero 1 del bravo banchiere, deve parlare. Solo lui perché la banca si chiama fuori: nulla da dire se non che "non ci furono pressioni politiche". E da noi non uscirà più nulla, neanche bah, mi dicono dagli ultimi piani della torre.

E allora Ghizzoni, che non c'è in sala (sennò un bell'appaluso e via sul palco) magari non sa, non è detto che sappia, non ha letto il libro, non ancora uscito, non ha potuto documentarsi, sta lavorando, magari è all'estero ma... deve parlare, distruggendo o la fama di De Bortoli o quella della Boschi, se vuol salvare la sua.

Così' hanno deciso i "corrieristi" in riunione, De Bortoli, Mieli, Maria Luisa Agnese e il notaio Marchetti. Perché il Corriere sono loro, il Corriere è un'istituzione, dunque loro sono un'istituzione. E' l'Italia dove, come diceva Flaiano, la situazione è grave ma non seria.

PS: in serata Ghizzoni ha risposto con un no comment, con buona pace dei "corrieristi". 

 

Tags:
caso etruria unicredit boschiferruccio de bortoli maria elena boschi unicredit banca etruriapresentazione teatro parenti libro ferruccio de bortoli

in vetrina
Grande Fratello 2018: caos, liti e urla. Inizio col botto! Gf 2018 news

Grande Fratello 2018: caos, liti e urla. Inizio col botto! Gf 2018 news

i più visti
in evidenza
Milano capitale della fotografia 165 mostre sparse per la città

Photofestival 2018

Milano capitale della fotografia
165 mostre sparse per la città

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova Porsche 911 GT3 RS sfida l’”Inferno verde”

La nuova Porsche 911 GT3 RS sfida l’”Inferno verde”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.