A- A+
Economia
Vino, vero business in Borsa. L'indice mondiale +719% dal 2001. Ma l'Italia...

Il vino vince nel mondo: le esportazioni di vino nel 2017 hanno sfiorato i 6 miliardi di euro (5,989 per la precisione), con una crescita del 6,5% sul 2016, pari ad un volume stimato di 21,6 milioni di ettolitri, in crescita del 4%, come dire che la crescita è stata trainata da vini di pregio, con prezzi più elevati, piuttosto che di scarsa qualità. Allargando lo sguardo, dal 2010 a oggi la crescita delle esportazioni è stata pari al 52,8%, con un incremento di oltre 2 miliardi di euro (0,13% di maggior apporto al Pil italiano, nel complesso ancora del 5,5% sotto i livelli 2007 alla fine dello scorso anno).

borsa parigi
 

Merito degli spumanti (il cui export è passato dai 444 milioni del 2010 a 1.359 milioni lo scorso anno, con un formidabile +206%), ma non solo: l’Italia a differenza di concorrenti diretti come Francia e Spagna e nonostante le periodiche polemiche sui “costi” dell’appartenenza all’euro o sugli squilibri commerciali mondiali, è riuscita a crescere senza interruzioni negli ultimi 5 anni, con una crescita media del 5%, contro il 3%, o meno, dei principali concorrenti (salvo rare eccezioni).

Finora l’export di vino italiano è rimasto più legato al mondo anglosassone rispetto ai concorrenti francesi e spagnoli, ora con la svalutazione del dollaro e della sterlina è probabile che i nostri produttori inizino a guardare ad altre aree, a partire dalla Cina (uno dei tanti motivi per cui l’Italia avrebbe molto da perdere in una eventuale guerra commerciale contro Pechino come minaccia a giorni alterni il presidente americano Donald Trump).

trump xi jiping

 

A fine 2017 la Cina era l’ottavo mercato di esportazione per i vini imbottigliati (all’undicesimo per esportazioni globali, con circa 140 milioni di euro di esportazioni), in crescita del 29% rispetto all’anno precedente, dato che batte quello medio dell’export italiano verso Pechino (+22,2% nel 2017). Continuare a crescere a doppia cifra sembra un obiettivo alla portata delle aziende italiane, tanto più che a differenza di altri mercati gli spumanti italiani ancora debbono farsi conoscere e apprezzare dai consumatori cinesi.

Ma se a livelli industriale quello del vino è un business che vale certamente una scommessa, quanto è interessante a livello di investimenti finanziari? Secondo uno studio del comparto vinicolo presentata in questi giorni dall’area studi di Mediobanca, negli ultimi 12 mesi (marzo 2017 - marzo 2018) la capitalizzazione dei titoli che compongono l’indice mondiale di borsa del vino è aumentata del 12,2% (contro una performance pressoché nulla dell’indice Msci World in euro) e se si amplia l’orizzonte temporale di riferimento, i numeri sono ancora più favorevoli agli investitori in vino.

vino e millenials
 

Dal gennaio 2001 l'indice di Borsa mondiale del settore vinicolo in versione total return (comprensivo dei dividendi distribuiti) mostra un incremento del 719,6%, quello delle borse mondiali “solo” del 148%. In termini relativi, ossia al netto dell’andamento del listino azionario di ciascun paese, la performance migliore è appannaggio dei titoli del comparto vinicolo statunitense (+744,6%), seguiti a distanza da quelli dell’Australia (+163,5%) e della Francia (+100%), mentre in paesi emergenti, anche nel panorama vinicolo, come Cile (-40,1%) e Cina (-73,4%) investire in titoli del settore ha reso meno che puntare sugli indici generali del mercato.

Manca un raffronto al caso italiano, dato che titoli del settore si sono affacciati sul listino solo negli ultimi anni: il primo è stato Italian Wine Brands (Iwb), che ha debuttato sull’Aim Italia a fine gennaio 2015 a seguito di una business combination di  Giordano Vini e Provinco Italia con la Spac Ipo Challenger. Proprietario di due cantine di vinificazione, a Diano d’Alba, nella Langa del Barolo, e a Torricella, nella zona del primitivo di Manduria, Iwb produce un’ampia gamma di vini italiani distribuiti in Italia e all’estero attraverso 12 marchi di proprietà, principalmente sui mercati europei (oltre il 75% del complessivo giro di affari è internazionale). Con una capitalizzazione di poco inferiore agli 80 milioni di euro, Iwb ha messo a segno un rialzo del 38,5% rispetto ai 10 euro del collocamento, ovvero del 28% rispetto al prezzo di chiusura del giorno del debutto.

(Segue...)

Tags:
investire in vinobusiness vinomercato vinovino italianoitalian wine brandsmasi agricolamediobanca

in vetrina
Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

i più visti
in evidenza
Macigno sul Grande Fratello Vip L'amara scelta di Mediaset

Ascolti flop

Macigno sul Grande Fratello Vip
L'amara scelta di Mediaset

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.