A- A+
Economia
WhatsApp a pagamento per le aziende. Al via la pubblicità
Foto LaPresse

Comprata quattro anni fa da Facebook per 22 miliardi di dollari, la app WhatsApp dal prossimo anno dovrebbe iniziare a generare denaro. Oggi la controllata del gruppo tech ha detto che iniziera' a vendere pubblicita' e che intende fare pagare alle aziende di grandi dimensioni che vogliono raggiungere i loro clienti attraverso il servizio.

A seconda del Paese, hanno spiegato executive del gruppo al Wall Street Journal, quei gruppi pagheranno da mezzo centesimo a 9 centesimi per ogni messaggio inviato. L'intento e' connettere le aziende con i circa 1,5 miliardi di account della app.

Attualmente, una piccola percentuale dei 60 miliardi di messaggi scambiati dagli utenti sono tra aziende e i loro clienti. Le modalita' sono state decise dopo alcuni test con una novantina di imprese, tra cui Singapore Airlines e Uber.

Gli annunci seguono disaccordi tra i leader di Facebook e i cofondori di WhatsApp, Jan Koum e Brian Acton, su come monetizzare la app gratuita. I due si sono opposti all'introduzione di pubblicita' e tutti e due nell'ultimo anno hanno lasciato l'azienda che hanno fondato nel 2009.

Tags:
whatsappwhatsapp a pagamento
i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Cesare Battisti visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Cesare Battisti visto dall'artista


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Range Rover Evoque conquista Milano

Range Rover Evoque conquista Milano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.