A- A+
Economia
WhatsApp a pagamento per le aziende. Al via la pubblicità
Foto LaPresse

Comprata quattro anni fa da Facebook per 22 miliardi di dollari, la app WhatsApp dal prossimo anno dovrebbe iniziare a generare denaro. Oggi la controllata del gruppo tech ha detto che iniziera' a vendere pubblicita' e che intende fare pagare alle aziende di grandi dimensioni che vogliono raggiungere i loro clienti attraverso il servizio.

A seconda del Paese, hanno spiegato executive del gruppo al Wall Street Journal, quei gruppi pagheranno da mezzo centesimo a 9 centesimi per ogni messaggio inviato. L'intento e' connettere le aziende con i circa 1,5 miliardi di account della app.

Attualmente, una piccola percentuale dei 60 miliardi di messaggi scambiati dagli utenti sono tra aziende e i loro clienti. Le modalita' sono state decise dopo alcuni test con una novantina di imprese, tra cui Singapore Airlines e Uber.

Gli annunci seguono disaccordi tra i leader di Facebook e i cofondori di WhatsApp, Jan Koum e Brian Acton, su come monetizzare la app gratuita. I due si sono opposti all'introduzione di pubblicita' e tutti e due nell'ultimo anno hanno lasciato l'azienda che hanno fondato nel 2009.

Tags:
whatsappwhatsapp a pagamento
i più visti
in evidenza
Lorenzo Sonego fa sognare l'Italia Quarti di finale a Montecarlo

TENNIS, CHE IMPRESA!

Lorenzo Sonego fa sognare l'Italia
Quarti di finale a Montecarlo


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La Guardia di Finanza arruola due SUV 3008 Peugeot

La Guardia di Finanza arruola due SUV 3008 Peugeot

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.