A- A+
EmiliaRomagnaItalia

BOLOGNA – Tra crisi economica, rivendicazioni sindacali e tagli dei servizi le coop sociali bolognesi sono in seria difficoltà, e se nei prossimi mesi non ci sarà una svolta potrebbero essere costrette a licenziare. È la sintesi della conferenza convocata dall’Alleanza delle Cooperative italiane di Bologna, soggetto che raggruppa le

crisi aziende

coop appartenenti alle centrali Agci, Confcooperative e Legacoop. In tutto 7.600 dipendenti e 276 milioni di euro di giro d'affari. “Nel 2012 il fatturato delle coop sociali di Bologna e provincia è calato del 10% - spiega Giampiero Calzolari, presidente dell'Alleanza delle Cooperative – In questo momento non possiamo permetterci di erogare la terza tranche di adeguamento contrattuale prevista dal contratto. Chiediamo ai sindacati di non andare al muro contro muro. Pagare quella tranche in questo momento vorrebbe dire andare in perdita su ogni ora di servizio negli appalti, e se succedesse l’occupazione sarebbe la prima a farne le spese”.

Calzolari, di fronte a una quarantina di dirigenti delle coop sociali di Bologna, ha chiesto ai sindacati di aprire subito un tavolo per concordare lo slittamento dell’aumento contrattuale – in media 20 euro lordi mensili – e agli enti locali di avviare immediatamente una discussione per l’adeguamento delle tariffe dei servizi accreditati. “Siamo schiacciati tra la pubblica amministrazione che decide in autonomia anche i tagli e i sindacati che mantengono un approccio rivendicativo. Tutti devono capire che da qui in avanti il tema è quello della sopravvivenza del mondo delle coop sociali”. “Siamo alla sopravvivenza – rincara la dose Doriana Ballotti di Legacoop – Le tariffe dei servizi accreditati e non accreditati non vengono più adeguate da tempo. Se a questo aggiungiamo i tagli ai bilanci degli enti locali, e penso all’Ausl e al Comune di Bologna che hanno annunciato sforbiciate da 50 milioni l’uno, il risultato è quello attuale”. Ballotti ha quindi chiesto ai sindacati un tavolo per posticipare l’erogazione dell’aumento salariale. “Sappiamo che i contratti vanno onorati e sappiamo che lo slittamento non basta, ma ci darà un po’ di ossigeno”. “Il rischio dei licenziamenti quest’anno è reale – spiega Emanuele Monaci di Agci – Questa conferenza vuole dare un segnale alla città, ai sindacati e alle istituzioni”.

I problemi più grossi – spiega Calzolari – arrivano dal Comune di Bologna. Penso ai servizi scolastici che sono stati spezzettati o alle ore di assistenza anziani diminuite del 60% dal 2008 a oggi. Su questo voglio dire che non si può risolvere il problema sostituendo le coop con i volontari delle polisportive, una pratica diffusa sotto le Due Torri ma anche in provincia”. “Gli oneri passivi ci stanno strangolando”, ha detto Ballotti, mentre Matteo Manzoni di Confcooperative ha spiegato come “una marginalità che per noi arriva al 3% non riuscirebbe nemmeno a contenere l’aumento contrattuale chiesto dai sindacati”. (giovanni stinco)

Tags:
coop socialicooperativecoopfatturaticrisieconomicaemilia romagna
in vetrina
Elodie e Marracash, bacio appassionato. E il commento di Belen...

Elodie e Marracash, bacio appassionato. E il commento di Belen...

i più visti
in evidenza
Eva Henger 'guarda avanti' E la foto del suo LATO B...

Ashley Graham nuda al 100%

Eva Henger 'guarda avanti'
E la foto del suo LATO B...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
FCA: avviati i primi test di produzione della Jeep® Compass, ibrida plug-in

FCA: avviati i primi test di produzione della Jeep® Compass, ibrida plug-in


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.