Giuseppe Genna racconta il suo rapporto con Facebook ad Affaritaliani.it e parla del sondaggio che ha lanciato sul suo sito...

"In un momento di transizione, ho sentito il bisogno di sapere cosa ne pensano i miei lettori. Ecco perché ho lanciato un sondaggio per chiedere loro qual è il mio editore ideale...". Giuseppe Genna spiega ad Affaritaliani.it la sua ultima trovata 'virtuale', e racconta il suo rapporto con internet (cominciato già nel 1995) e con Facebook in particolare...

Mercoledì, 3 febbraio 2010 - 17:52:00

IL CASO

Il caso/ Giuseppe Genna chiede ai propri lettori di scegliere l'editore ideale per lui... Con un sondaggio online. Leggi i particolari e il commento di Affaritaliani.it

GENNA &
IL CASO-MORGAN...

Caso Morgan/ Giuseppe Genna ad Affaritaliani.it: "La cocaina si deprime quando vede Morgan... Sanremo? Per lui non andarci è una cura contro la depressione..."

L'INTERVISTA

L'intervista/ "L'Italia? E' un'avanguardia dell'osceno". Giuseppe Genna si racconta con Affaritaliani.it

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

Lo scrittore Giuseppe Genna ha lanciato con successo sul suo sito e su Facebook un sondaggio online (definendolo  "un gioco"), in cui chiede ai suoi tanti lettori e fan qual è l'editore ideale per i suoi libri. Affaritaliani.it ha pensato che si trattasse, nonostante lo spirito 'giocoso' dell'iniziativa, di una notizia. Perfetta, per altro, per un quotidiano online. Il nostro commento ('fintamente serioso', in realtà 'giocoso' come il sondaggio, ma non tutti l'hanno capito... VEDI BOX A DESTRA) sull'idea di Genna ha aperto un dibattito sulla frequentatissima 'bacheca Fb' dello scrittore. Non è certo una novità. Succede praticamente con tutti i link condivisi dall'autore in questione. Abbiamo colto l'occasione per parlare con Genna, tra gli scrittori italiani più presenti sul social network più famoso, del suo rapporto con Fb e con internet in generale...

genna
Giuseppe Genna

Genna, si scherzava anche noi come avrà capito (un po' meno certi suoi fan)...
"Naturalmente, e vi ringrazio per l'attenzione. Non mi aspettavo che anche il Corriere della Sera ne parlasse, trattandosi di un gioco...".

Appunto. Ma com'è nata l'idea?
"Il mio contratto con la Mondadori si è chiuso da poco. Capendoci molto poco di contratti, mi sono anche dovuto affidare a un agente. L'attuale è quindi per me un momento di transizione. Ecco perché mi è venuta voglia di sapere cosa ne pensano i miei lettori...".

A proposito, rispetterà il risultato del sondaggio?
"Probabilmente alla fine deciderò per l'opzione 'un editore grosso per certi romanzi, un editore piccolo per altri...'".

Facciamo un passo indietro. Il suo rapporto con internet è cominciato molto presto...
"Sì, sin dal 1995. Sono stato tra i creatori del primo sito di Mondadori. Internet, insieme alla scrittura, è da sempre il mio lavoro (Genna oggi lavora per la web factory Siris, ndr). Ho inoltre contribuito a dar vita a numerosi progetti online, da 'Clarence. Società delle menti' a 'I Miserabili', la stessa rivista online 'Carmilla' (con Valerio Evangelisti e Wu Ming), poi il mio blog, fino ai social network, da MySpace a Facebook...".

E veniamo proprio a Facebook. Quando si è iscritto lo ha fatto senza diffidenze?
"Ci sono entrato sin dal 2007, quando non c'era quasi nessuno. Sono stato probabilmente il primo scrittore italiano a farlo. L'ho preferito a MySpace, molto meno funzionale. Le diffidenze? Ne ho parecchie, ma non solo verso Facebook. Penso che tutto il web 2.0 sia destinato a finire presto la sua era. Non ha futuro, è una bolla destinata a esplodere. Il problema è che mancano i contenuti.  Facebook è strapieno di rimasticature. Link su link e pochissimi post originali. Il futuro che immagino per la rete vede proprio uno spostamento sul versante dei contenuti...".

Quante ore della sua giornata passa connesso su Fb. A volte sembra che lei ci 'viva'...
"In effetti, come ho detto, con internet ci campo, in tutti i sensi... Per lavoro ci passo anche nove ore al giorno. E la sera devo pure curare il sito di Carmilla e il mio blog. In tutto questo tempo resto sempre connesso a Facebook...".

Con una parte dei suoi 'amici' virtuali si incontra anche nella vita reale?
"Ma certo. Ho circa 5mila 'amici', ma quelli attivi sono al massimo 300. Li definirei i miei 'lettori forti'. Almeno 100 di questi, tra l'altro, sono miei amici anche nella vita reale. E spesso la nostra amicizia è nata proprio grazie a Fb. Sin dall'inizio la rete non ha mai ostacolato la vita reale delle persone. Chi dice che il web isola i suoi utenti non sa di cosa parla. ".

Facebook le ha mai dato l'ispirazione per una storia?
"Facebook no, ma una storia vera letta su un forum ha ispirato il mio prossimo libro. Non posso dirle di quale si tratta perché capirebbe subito il tema...".

Lo sa che tanti suoi colleghi scrittori, anche 'giovani', su Facebook non ci metterebbero mai piede...
"E' legittimo, dedicano il loro tempo ad altri interessi... Poi però ci sono anche quelli spaventati dalla rete, pieni di pregiudizi, e questo è meno giustificabile. Verranno inevitabilmente travolti. Io, come ho detto, sono un caso a parte: su internet ci lavoro e da sempre sono abituato a convivere con il web. Anzi, vorrei avere più tempo da dedicare ai miei 'amici' su Fb...".

Negli ultimi mesi si è (ri)acceso il dibattito sulla libertà di espressione nel web, non solo in Italia, anche alla luce di alcuni episodi poco edificanti che hanno riguardato il social network più famoso. Lei pensa che sia sbagliato in ogni caso mettere dei freni comunicativi al 'popolo' di internet, (gli stessi che invece sono previsti per altri media)?
"Penso che non si possa paragonare internet agli altri mezzi di comunicazione. Ha una grammatica completamente diversa rispetto a quella della tv, della radio e della stampa. E quindi non si possono usare gli stessi criteri quando si parla di libertà d'espressione. Il problema sta tutto qui".

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA
    In Vetrina