A- A+
Spettacoli
Robespierre è innocente: la sentenza che ribalta la storia al Teatro Eliseo

La sentenza che ribalta la storia:

l’incorruttibile Maximilien de Robespierre

è innocente!

Questo il verdetto della giuria popolare de

“LA STORIA A PROCESSO”

in scena all’Eliseo di Roma

 

Lunedì 25 marzo al Teatro Eliseo di Roma si è conclusa come sempre con successo  la stagione capitolina del format Personaggi e Protagonisti: incontri con la Storia® Colpevole o Innocente?ideato e curato da Elisa Greco.

Un dibattimento e un processo che ha ribaltato gli esiti della storia: Maximilien de Robespierre, l’Incorruttibile protagonista della Rivoluzione francese e del Regime del Terrore, punito con la pena di morte tramite ghigliottina è stato dichiarato innocente dalla giuria popolare del Teatro Eliseo.  

“Un verdetto non scontato come testimonia il risultato determinato da pochi voti di differenza e che manifesta ancora una volta quanto la figura storica e umana di Robespierre sia controversa e divisiva.  Al contempo lo stesso interesse intorno alla scelta del personaggio nel suo essere l’incorruttibile, il cittadino e strenuo difensore del popolo e poi condannato a morte, travolto dalla sua stessa rivoluzione,  ne dimostra  la  grande attualità”  ha commentato  Elisa Greco, autrice e curatrice del Processo.

Mai come stavolta il pubblico è stato coinvolto, partecipe e attivo, tanto da interloquire direttamente dalla platea, ancora una volta sold out, con i protagonisti  sul palcoscenico.  Il cast non è stato da meno e lo stesso  Presidente della Corte, il magistrato Simonetta Matone, Sostituto Procuratore generale presso la Corte d’ Appello di Roma, si è ritrovata spesso a placare gli animi  oltre che a condurre il dibattimento.

La ghigliottina alla destra del palco a simboleggiare l’accusa, il totem “Liberté, Égalité, Fraternité” a dare sostegno alle tesi della difesa hanno fatto da cornice all’acceso dibattito che ha infuocato il Teatro Eliseo di Roma.

L’imputato, interpretato dal giornalista francese, corrispondente dall’Italia per  LesEchos, Olivier Tosseri, si è difeso sostenendo come il suo desiderio fosse quello di costruire una società basata su tre parole fondamentali, divenute simbolo  universale “Liberté, Égalité, Fraternité”. Il Pubblico Ministero, Fabrizio Gandini, giudice del Tribunale di Roma, ha, a sua volta, accusato l’imputato di aver abusato della sua profonda conoscenza del sistema giuridico per volgere il sistema a suo piacimento e, infine, per instaurare il Regime del Terrore, che nulla aveva a che fare con quelle famose parole.

La linea della difesa, sostenuta dal Professor Antonio Catricalà, si è fondata sulla passione politica di Robespierre, che voleva libertà, fraternità e uguaglianza: concetti che, come molte altre idee nel corso della storia, hanno avuto bisogno di migliaia di vittime per affermarsi. Il testimone d’accusa, la scrittrice e biografa storica Alessandra Necci, ha sottolineato che questo desiderio di affermazione non poteva bastare per giustificare quel “flusso di sangue”, frase attribuita proprio all’Incorruttibile. Infine, la testimone della difesa, Serena Bortone, giornalista e conduttrice di Agorà (Rai3), calandosi nei panni della sorella di Robespierre, Charlotte, ha esposto al pubblico un excursus sulla vita del fratello che, pur essendo preso in giro dai coetanei in giovane età, pur essendo vittima di tic e con il volto butterato dai segni del vaiolo, non ha mancato di combattere per la giustizia sociale e il suffragio universale.

Al termine del dibattimento la Giuria Popolare rappresentata dal pubblico in sala, ha votato per stabilire se, a 230 anni dalla Rivoluzione Francese, la figura di Maximilien de Robespierre, detto l'Incorruttibile, fosse quella di un rivoluzionario o di un tiranno. Cambiando il corso della storia, la giuria popolare lo ha infine assolto sul filo di lana con 214 volti per l’assoluzione e ben 199 per la condanna.

Personaggi e Protagonisti: incontri con la Storia® Colpevole o Innocente? ringrazia per l’affettuoso sostegno DATA STAMPA, per il supporto sulla difesa del diritto d’autore Studio legale Minalegal Mina Lanfranconi& Associati, per la comunicazione e media relation The Hive Project.

Commenti
    Tags:
    robespierre è innocenteteatro eliseoprocesso alla storia
    Loading...
    in evidenza
    La vignetta/ Il cronoprogramma di Conte fino al 2023

    Politica

    La vignetta/ Il cronoprogramma di Conte fino al 2023

    i più visti
    in vetrina
    ALESSIA MARCUZZI: TACCO A SPILLO ROSSO E... LE FOTO DELLE VIP

    ALESSIA MARCUZZI: TACCO A SPILLO ROSSO E... LE FOTO DELLE VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La nuova classificazione dei veicoli elettrici ibridi in Italia

    La nuova classificazione dei veicoli elettrici ibridi in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.