A- A+
Spettacoli
Tony Renis, il divo dei due mondi: Quando quando quando una fiction su di lui?

Mentre risuonano ancora gli echi del Festival di Sanremo 2019 appena concluso, torna alla memoria l'edizione del 2004, quando le case discografiche boicottarono proditoriamente il direttore artistico di allora, che riuscì tuttavia a confezionare una kermesse di pregio lanciando due fuoriclasse dell'intrattenimento: Maurizio Crozza e Paola Cortellesi.

Stiamo parlando di Tony Renis, al secolo Elio Cesari, che negli anni Cinquanta dai locali notturni di Milano dove si esibiva con l'amico fraterno Adriano Celentano, partì alla conquista del successo riuscendovi in maniera fantasmagorica come mai nessuno avrebbe potuto immaginare, conquistando non soltanto il mondo ma ben due.

"Il divo dei due mondi", com'è infatti soprannominato Tony Renis, è cantautore, attore, talent scout, manager, produttore discografico; fu amico personale di Frank Sinatra e Ronald Reagan; protagonista del jet set internazionale, da Saint Tropez a Malibu passando per Acapulco e Londra; candidato all'Oscar, vincitore del Golden Globe, del David di Donatello, della Grolla D'Oro, del Globo D'Oro e del Premio alla Carriera Federico Fellini, per citare solo alcuni dei mille riconoscimenti accumulati nella sua sessantennale attività artistica.

Ambasciatore della canzone italiana nel mondo per nomina del Ministero degli Esteri, Tony Renis è autore di uno dei brani più venduti, ascoltati, cantati e interpretati di tutti i tempi, forse anche più della stessa Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno, ovvero Quando quando quando; ma ha anche scritto la canzone più nota di Mina, Grande Grande Grande, e - per non farsi mancare nulla - anche l'inno del Milan, permettendo all'amico Silvio Berlusconi di "cambiare qualche parolina del testo". 

Felicemente sposato e fedelissimo all'étoile Elettra Morini, Tony Renis, di casa a Hollywood, ha scritto e prodotto canzoni per Lionel Richie, Julio Iglesias, Diana Ross; ha scoperto la bambina prodigio Nikka Costa; è l'eminenza grigia dietro il successo di Andrea Bocelli, nonché colui che ha dato l'abbrivio alla carriera fortunata dei tre tenorini de Il Volo.

"Mercante di sogni" come un personaggio da romanzo di Harold Robbins, se fosse stato americano di nascita e non soltanto di adozione, Tony Renis sarebbe già stato protagonista di vari biopic hollywoodiani magari anche premiati dall'Academy. Ma Tony Renis è italiano, dunque com'è possibile che in Italia, dopo quelle dedicate a Walter Chiari, Domenico Modugno e Mia Martini, nessuno abbia ancora scritto, prodotto e girato almeno una fiction sul divo dei due mondi che, perdonateci il gioco di parole, il mondo ci invidia? Riteniamo opportuno che questa grave e colpevole lacuna venga finalmente colmata, e al più presto. 

Commenti
    Tags:
    tony renisfestival di sanremo 2019quando quando quandodomenico modugnofestival di sanremo 2004 tony renis
    Loading...
    in evidenza
    Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

    TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

    Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
    Senza reggiseno. E lato B..

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

    Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parte da Parigi la rivoluzione elettrica di DS Automobiles

    Parte da Parigi la rivoluzione elettrica di DS Automobiles


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.