A- A+
Esteri
Bernie Sanders e il suo momento magico negli Usa

 

Bernie Sanders è l’ultimo dei socialisti americani e l’unico che ha avuto il coraggio di definirsi tale in una terra tradizionalmente ostile a questi valori.

Senatore del Vermont, nato però a Brooklyn (NYC) indipendente nel Partito Democratico è abbastanza anziano da ricordarsi il periodo del maccartismo e la “caccia alle streghe”.

In questo momento, il PD Usa conta 14 candidati nel suo elettorato caratteristico: donne, gay e afro-americani, ma l’incumbent, come si suol dire, è lui nella misura in cui proprio l’affermazione di Donald Trump ha polarizzato non solo il Partito Repubblicano ma anche e soprattutto quello democratico.

Trump costringe gli avversari a ricompattarsi su posizione più autentiche e reali rispetto alla deriva liberal dei Clinton e di Obama: la “sinistra al caviale” segna il passo in tutto il mondo perché l’elettorato dell’intero pianeta si è accorto che il gioco è stato truccato e, da difensori dei diritti dei poveri e degli emarginati, i loro ex beniamini sono passati dall’altra parte.

Le sguaiate comparizioni pubbliche di Hillary Clinton e Michelle Obama, con abiti da migliaia di dollari firmati, ori e gioielli ha risvegliato dal torpore i loro elettori.

Questi periodi sono catartici per chi per anni si è spostato sempre un pochino più in là per poi ritrovarsi, magicamente, in campo avverso.

E quello che è accaduto anche in Italia, ad esempio, con il Partito democratico che a furia di confindustriare si è trovato proprio a difendere Confindustria contro i Sindacati. Calenda è un esempio lampante di questo percorso liberal, pesantemente punito dagli elettori.

Dicevamo di Sanders.

È lui la figura intorno alla quale si sta raggruppando il Partito Democratico Usa, anche perché l’età gli ha portato il dono dell’esperienza ma, soprattutto, gli ha donato un nemico meraviglioso e cioè Donald Trump che gli permette di emergere naturalmente con i suoi valori.

Il Presidente Usa ora è sotto un duplice attacco: il fallimento del vertice coreano e la vicenda del suo ex avvocato Michael Cohen che lo sta inguaiando e Sanders non potrebbe avere un momento più propizio per farsi sotto.

Commenti
    Tags:
    bernie sandersobamaclintondonald trump
    in evidenza
    Rifiutati 100.000 euro a partita? De Rossi lasci in serenità la pelota

    Sport

    Rifiutati 100.000 euro a partita?
    De Rossi lasci in serenità la pelota

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello 2019, 3 concorrenti hanno fatto i bagagli. GF 2019 NEWS

    Grande Fratello 2019, 3 concorrenti hanno fatto i bagagli. GF 2019 NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat 500, arrivano le nuove versioni Star e Rockstar

    Fiat 500, arrivano le nuove versioni Star e Rockstar


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.