A- A+
Esteri
Caso Niger (e Tunisia): l'Italia sbertucciata dalla Francia

La storia delle relazioni tra Francia e Italia non è stata mai così lineare come potrebbe apparire ad un’analisi superficiale con Parigi che ci chiama beffardamente “nazione sorella” e poi fa i cavoli suoi.

Dalla fine dell’ultimo conflitto mondiale i vicini di Oltralpe hanno perseguito una politica estera ostile all’Italia tutte le volte che hanno potuto.

Per restare solo agli episodi più recenti basti pensare alla fine del regime di Tripoli guidato da Gheddafi da parte del presidente francese Sarkozy e per cui è stato recentemente arrestato proprio nel suo Paese. A parte i conti privati risolti -questa l’accusa- dall’ex presidente mediante il rovesciamento del governo libico, la Francia ha ottenuto un controllo sulla Libia scalzando l’influenza dell’Italia sulla sua ex colonia e questo perché proprio a causa delle cosiddette “primavere arabe” la Francia aveva perso la sua influenza sulla Tunisia.

La Libia interessava alla Francia per il suo gas a danno dell’Italia e dell’Eni.

È poi solo di qualche giorno fa la violazione della sovranità nazionale con lo sconfinamento dei gendarmi francesi a Bardonecchia, che ha sollevato un grande polverone diplomatico - istituzionale.

L’ultima in assoluto è invece di queste ore con il Niger che dice di no ai soldati italiani nella regione del Sahel, dopo averli richiesti e ricevuti. Il presidente Mahamadou Issoufou ha chiesto al governo italiano di rallentare le procedure di completamento dell’invio del contingente militare in terra africana che aveva il compito di rafforzare la capacità di controllo del territorio.

In Niger è già presente una coalizione con Germania e Stati Uniti.

Contemporaneamente è stato bloccato anche il contingente militare italiano per una missione Nato a Tunisi per il controllo delle frontiere e del terrorismo. In entrambi i casi si ritiene che dietro ai no ci sia Parigi preoccupata del protagonismo italiano.

Recentemente Matteo Salvini ha dichiarato che se andrà al governo l’Italia rialzerà la testa in Europa; si riferiva ai problemi di superamento dei limiti dei parametri economici, ma sarebbe bene che la sua preoccupazione si estendesse anche al settore militare, dove l’Italia viene regolarmente sbertucciata dai francesi (e in verità anche da molti altri) e sarebbe ora di cominciare a riprenderci il nostro ruolo.

 

Tags:
italianigerfranciatunisianatobardonecchiagheddafi
in vetrina
Valentina Bissoli scalda una New York bollente. La regina italiana degli Usa

Valentina Bissoli scalda una New York bollente. La regina italiana degli Usa

i più visti
in evidenza
Katia, show fotonico in giardino E' la resa dei conti per tre...

TEMPTATION ISLAND 'FINALE'

Katia, show fotonico in giardino
E' la resa dei conti per tre...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford

Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.