A- A+
Esteri
Dalla solidarietà al carcere per i migranti ora la Spagna ci ripensa

‘ Umanità, sicurezza e solidarietà’ così il Ministro dell’Interno del Governo spagnolo di Sanchez, Fernando Malaska, ha voluto sintetizzare la nuova politica spagnola sui migranti. Ed ha pure aggiunto che ’ visto che siamo in un momento di migrazioni senza precedenti va bene la sicurezza e l’umanità  ma non dobbiamo confondere quest’ultima con la permissività’.

 

E’ questa dichiarazione giunta immediatamente dopo l’entrata violenta di migranti nella Valle della Ceuta. 116 africani, entrati con la forza, sono stati espulsi anche grazie ad un accordo con il Marocco, fatto in fretta e furia dopo i fatti violenti.

La Spagna sta cambiando. Inflessibili con i violenti.

‘ Non possiamo permettere la violenza- ha ripetuto il Ministro spagnolo-la maggioranza di chi arriva è pacifica ma dobbiamo essere inflessibili con i violenti’.

 

Parole molto vicine al ‘credo’ del nostro Ministro dell’Interno, nonostante il ‘solidarismo’ di facciata del Governo Sanchez.

 

 

 

 

Le dichiarazioni del Ministro spagnolo non sono che l’ultimo degli episodi che nell’arco di tre mesi hanno cambiato completamente la politica migratoria del nuovo Governo spagnolo.

Si è passati dalla solidarietà ( in parte puro marketing) della nave Aquarius alle espulsioni immediate e al carcere dei fatti di Ceuta.

La Spagna sta cambiando. Il carcere per i migranti violenti

Certo, anche il carcere, perché oltre ai 116 espulsi altri 10, i più violenti nell’episodio di Ceuta, sono stati messi in galera.

 

In soli tre mesi la politica sui migranti è diventata in Spagna, per il Governo, una priorità. Ormai gli obiettivi sembrano essere molto simili a quelli del tanto contestato Governo italiano: mantenere bassi i flussi  migratori sulle coste e chiedere a tutta forza aiuti condivisi ad un ‘Europa sempre meno solidale. Un’Europa che ha, nel presidente francese Emanuel Macron, il simbolo di un modus operandi ipocrita: tanto buonismo a parole, disinteresse nei fatti.

 

E così con tanti saluti alle dichiarazioni di buonismo ed apertura del Governo spagnolo con il caso Aquarius anche Sanchez ha compreso che non è possibile pensare di ricevere migranti senza limiti e soprattutto senza una condivisione precisa con tutti i Paesi europei.

 

Lentamente ma, inesorabilmente, anche i ‘buoni’ spagnoli, si stanno allineando ai ‘cattivi’ italiani. Italiani che, vale la pena ricordare, fino ad ora si sono accollati la maggior parte dei pesi dell’accoglienza sui flussi migratori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    governo sanchezmigrantimatteo salvini

    in evidenza
    Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

    Siamo il secondo paese al mondo

    Tre stelle a Mauro Uliassi
    E' il decimo chef in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

    Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

    Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.