A- A+
Esteri

 

protesta egitto 6

L'esercito egiziano ha dato 48 ore di tempo alle forze politiche per risolvere la crisi, trascorse le quali sara' l'esercito a proporre una sua road map per "rispondere alle domande del popolo": e' quanto si apprende da un comunicato delle Forze armate letto alla televisione di Stato.

Tempi molto rapidi per "assumersi le responsabilita' e rispondere alle richieste del popolo" sono stati chiesti dal generale Abdel Fattah al-Sisi, che ha letto un comunicato trasmesso anche dalle frequenze della radio di Stato. Con il riferimento "alle richesite del popolo", l'esercito sembra aver sposato la causa dei manifestanti e non le ragioni dei Fratelli musulmani al potere e del presidente Mohamed Morsi.

OBAMA/ Appello alla moderazione di Barack Obama agli schieramenti politici contrapposti in Egitto, dopo le violenze degli ultimi giorni: "Tutti debbono contenersi e dare prova di moderazione", ha affermato il presidente americano durante una conferenza stampa in Tanzania, dove e' giunto in visita ufficiale proveniente dal Sudafrica. Obama si e' quindi rivolto a "coloro che prendono parte alle proteste e ai cortei", avvertendoli che "aggredire le donne non consente di definire pacifiche" le loro iniziative.

"Cio' che e' ormai chiaro", ha proseguito il presidente americano, "e' che, sebbene il signor Morsi sia stato eletto democraticamente, c'e' molto lavoro da compiere per creare le condizioni nelle quali ognuno avverta che la sua voce e' ascoltata". Obama ha quindi esortato le autorita' del Cairo ad ascoltare quanto chiede l'opposizione e a ricercarne la collaborazione, invitandola a rispettare lo stato di diritto ma senza pero' sbilanciarsi in alcun modo sul futuro personale e istituzionale dello stesso Morsi.

MORTI/ Sono almeno dodici le persone rimaste uccise nelle ultime ore in Egitto: tre decedute per le gravi ferite riportate negli scontri tra contestatori e sostenitori del presidente Mohamed Morsi davanti al quartier generale al Cairo dei Fratelli Musulmani, il movimento islamista cui fa capo Morsi medesimo; e cinque ad Asyut, nell'omonima provincia dell'Alto Egitto, a causa di analoghi disordini avvenuti nei pressi della locale sede del Partito per la Liberta' e la Giustizia, braccio politico degli stessi Fratelli Musulmani. Il totale dei morti accertati dalla notte scorsa in tutto il Paese e' salito cosi' a non meno di venti, mentre fonti ospedaliere hanno precisato che i feriti ammontano a 713.

MINISTRI LASCIANO/ Si sono dimessi quattro ministri del governo egiziano mentre i Fratelli Musulmani annunciano una risposta alle violenze degli ultimi giorni. I ministri sono quelli del Turismo, Ambiente, Comunicazione, Affari Legali e Risorse idriche: secondo quanto riferito da una fonte ufficiale, i titolari di questi dicasteri hanno annunciato le loro dimissioni con una lettera congiunta inviata al premier Hisham Qandil. Sono i cinque tecnocrati del governo e secondo i media locali hanno preso la decisione perche' hanno sposato la causa del manifestanti.

Il ministro del Turismo Hisham Zazou aveva gia' lasciato l'incarico a giugno e al suo posto Morsi aveva nominato Adel al-Khayat, un membro del partito islamista Gamaa Islamiyaa, coinvolto nel massacro di 50 turisti nel 1997 a Luor. Zazou era pero' tornato al suo posto dopo le dimissioni di Khayat. Gli altri quattro ministri dimissionari sono Atef Helmi (Comunicazione e informazione e tecnologie) Hatem Bagato (Affari legali e parlamentari) Khaled Abdel-Aal (Ambiente) e Abdelqaui Jalifa (Risorse idriche. Inoltre, l'agenzia ufficiale Mena ha riferito che hano rassegnato le dimissioni anche cinque senatori della "Shura" o Camera alta del Parlamento Intanto i Fratelli musulmani hanno avvertito che "non saranno tollerati attacci alle istituzioni, e hanno preannunciato per oggi stesso azioni contro le violenze che nelle ultime ore hanno causato 16 morti, tra cui otto (e decine di feriti) in un assalto alla sede centrale del partito Liberta' e Giustizia, braccio politico del movimento religioso.

"Tutti respingiamo" il comunicato dell'esercito. "E' quanto ha affermato un membro dei Fratelli Musulmani", Yasser Hamza, del Partito Liberta' e Giustizia, braccio politico della Fratellanza, ad Al Jazira, riferendosi all'ultimatum dei militari, che hanno dato 48 ore alle forze politiche per risolvere la crisi. Secondo altre fonti invece, la Fratellanza sta ancora studiando il comunicato dell'esercito. La situazione sembra ricalcare i momento che precedettero a febbraio del 2011 la caduta di Hosni Mubarak in cui le forze armate, guidate allora dal maresciallo Hussein Tantawi, abbandonarono il rais.

Tags:
egitto baratro
in vetrina
GIULIA DE LELLIS TOPLESS: UN CAPOLAVORO! Foto delle Vip

GIULIA DE LELLIS TOPLESS: UN CAPOLAVORO! Foto delle Vip

i più visti
in evidenza
Francesca Manzini, che lezione Nuda contro il body shaming

Le foto e post dell'imitatrice

Francesca Manzini, che lezione
Nuda contro il body shaming


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lexus RX Hybrid, si rinnova e fissa nuovi standard

Lexus RX Hybrid, si rinnova e fissa nuovi standard


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.