A- A+
Esteri
Germania, Merkel non riesce a formare il governo. Coalizione Giamaica saltata

Germania, il 'sogno giamaicano' è finito. A pochi minuti dalla mezzanotte, i liberali di Christian Lindner staccano la spina, il tavolo delle trattative salta, perché, "fra i partiti manca la fiducia di base" per costruire un "governo stabile". E dunque, "meglio non governare, che governare male". La parola passa al Presidente della Repubblica. La fuga in avanti del giovane che scalpita da quando il suo partito, l'FDP, è tornato al Bundestag, lo scorso 24 settembre, lascia però tutti di stucco e isola, ancora una volta, il partito liberale tedesco.

"Io credo che si sarebbe potuto trovare il filo per arrivare a una soluzione. E mi dispiace, lo dico con tutto il rispetto per i liberali, che non si sia arrivati a un accordo", ha scandito Angela Merkel un'ora dopo. La Cancelliera ha anche affermato di "assumersi la responsabilità" e "di fare tutto il possibile perché il paese, anche in queste settimane difficili, sia guidato bene". "Domani - ha annunciato - mi recherò dal Presidente della Repubblica per descrivere lo stato delle cose".

Merkel non è sola nel rimpianto della 'Giamaica', che sarebbe piaciuta a molti tedeschi: "Credo che la maggioranza dei cittadini avrebbe auspicato che trovassimo una soluzione", ha detto anche. A sentire Juergen Trittin, il negoziatore degli ecologisti, che ha fatto più di una volta saltare i nervi ai conservatori, nella sede del Land del Baden-Wuerttenberg, dove ieri si è tenuta l'ultima seduta del confronto (l'ultimatum dei liberali era scaduto alle 18) sono rimasti "tutti un po' scioccati e indignati" dal passo di Lindner. E anche i colleghi Katrin Goering-Eckardt e Cem Oezdemir - il principale ostacolo di un accordo con l'anima più conservatrice della potenziale futura coalizione - hanno assicurato che non si era lontani da una intesa: "Avremmo potuto trovare un accordo, e credo addirittura che non ci sarebbe voluto ancora troppo tempo".

Non la vedeva così, evidentemente, Lindner. Alle prime armi con un negoziato di questa portata. In effetti le trattative avevano presentato molti nodi su temi decisivi, come Europa, clima, trasporti, e si erano arenate da qualche giorno sui migranti. Con la richiesta della Csu di una sorta di tetto limite a 200mila ed il rifiuto del ricongiungimento familiare per i profughi che hanno la cosiddetta protezione sussidiaria. Su questo ultimo punto i bavaresi hanno litigato per ore con i verdi. Ma i liberali avevano manifestato una tangibile impazienza, con atteggiamenti anche più rigorosi.

"Non vogliamo piantare in asso i nostri elettori", ha detto infatti a fine serata Lindner. "Si è mostrato che i quattro interlocutori non hanno un progetto comune per la modernizzazione del paese e non hanno una fiducia comune con la quale si possono immaginare i presupposti per un governo stabile". Lindner ha raccontato che dopo tante settimane giaceva sul tavolo "un foglio pieno di contraddizioni, domande aperte, e conflitti sugli obiettivi". "Non rimproveriamo a nessuno di voler rispettare i suoi principi, ma lo facciamo anche noi".

Parole che consegnano un problema serio al Paese: le nuove elezioni, evocate da più parti in questi giorni, potrebbero riproporre la stessa frammentazione attuale, con una oggettiva difficoltà nella formazione di un governo bicolore (dal momento che i socialdemocratici si sono chiaramente e definitivamente tirati fuori, rifiutando una riedizione della Grosse Koalition). Resta l'opzione di un governo di minoranza. La formazione più naturale sarebbe proprio la squadra nero-gialla, fra l'unione e i liberali. Ma dopo la mossa di ieri sera, parte della fiducia è andata certamente perduta. La verde Goering-Eckardt ha invece sottolineato che il partito resterà aperto al dialogo, anche nelle prossime settimane. Un passaggio significativo, fra le tante emozioni di questa notte che chiude una "giornata quasi storica", per dirla con le parole di Frau Merkel.

Tags:
germania fallimento governogermania fallisce giamaicagermania fallisce giamaica coalizionegermania nuove elezioni

in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

i più visti
in evidenza
"Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.