A- A+
Esteri
Il Venezuela sempre più in coma dimenticato dalla Comunità internazionale.

I riflettori dell’economia mondiale sono accesi, in questo momento, su fatti importanti come il caos Brexit di una Theresa May in grande affanno, il giallo dell’arresto del direttore finanziario del gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei da parte canadese su richiesta americana, la rivolta francese contro gli errori di Macron e i cali delle Borse.

 

Dalla scena sono scomparsi drammi di portata epocale e tra questi uno in particolare: l’agonia del Venezuela sotto la dittatura di Nicolas Maduro.

Il Venezuela in coma. Da paese ricco a ultimo dei poveri

Negli ultimi venti anni il Venezuela è passato da essere il Paese più ricco del Sudamerica ( un paese galleggiante su un oceano di petrolio) a quello più povero.

Più povero sotto molti punti di vista : da un’emergenza sanitaria  alla diffusione della fame vera in un crescendo di disperazione che non ha eguali in tutta la storia del paese.

Ci si trova di fronte ad un’economia totalmente collassata dove le sanzioni americane hanno solo una piccola parte di responsabilità.

L’iperinflazione e la dollarizzazione stanno condannando i cittadini a lottare ogni giorno con i prezzi impazziti e ad essere dipendenti da aiuti statali completamente arbitrari.

 

Il problema vero è il Governo di Nicolas Maduro e i suoi provvedimenti che hanno praticamente cancellato parole come libera economia, diritti civili e libertà.

Il Venezuela in coma. Iperinflazione e dollarizzazione mostri voraci sul Paese.

Per confondere un po’ le acque il Governo ha aumentato i salari moltissime volte ma la realtà è molto più cruda. Il salario minimo è di circa 4500 bolivares (qualcosa come 9 dollari circa), una miseria quando si pensa ad un chilo di formaggio locale venduto a circa 6500 bolivares.

 

Iperinflazione e contrazione economica sono i due mostri che si stanno mangiando il Venezuela.

Solo nel mese di novembre i prezzi sono aumentati di oltre il 144 per cento.

 

E  a questo problema si aggiunge il dramma rappresentato dalla data del prossimo 10 gennaio. In quella data infatti il Presidente Maduro rinnoverà il suo mandato fino al 2025. Un giorno in cui verrà reiterata l’usurpazione del potere e sarà decretato il totale fallimento dell’intero Paese.

 

Riuscirà la Comunità internazionale, Stati Uniti compresi, a resuscitare un Venezuela che ormai è praticamente in coma?

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    venezuelanicolas maduro
    in evidenza
    Kardashian, un abito esplosivo Kim col vestitino che non c'è

    LE FOTO DELL'EREDITIERA

    Kardashian, un abito esplosivo
    Kim col vestitino che non c'è

    i più visti
    in vetrina
    Iannone dimentica Belen, Andreea Sasu è la nuova fiamma

    Iannone dimentica Belen, Andreea Sasu è la nuova fiamma


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Transpotec Logitec 2019,Fiat Professional protagonista

    Transpotec Logitec 2019,Fiat Professional protagonista


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.