A- A+
Esteri
L’inflazione al 14 mila per cento sta ammazzando il Venezuela

C’è un paese, seduto su un mare di petrolio, che sta praticamente morendo, soffocato da un’inflazione al 14 mila per cento, praticamente una iperinflazione. Una politica economica dissennata portata avanti da un Governo dittatoriale senza capacità.

Questo Paese si chiama Venezuela del presidente dittatore Nicolas Maduro, un bellissimo paese in agonia da anni. 

Nel Paese le valige servono a raccogliere e contenere chili di bolivar (la moneta che non vale nulla) per comprare i pochi generi di necessità che si trovano ogni tanto nei supermercati ancora aperti. Serve l’equivalente di 5 giorni di lavoro per acquistare una dozzina di uova.

Venezuela in agonia. Bolivar e Petro, due monete senza valore

Anche perché l’alternativa al bolivar che sarebbe dovuta essere il Petro, la nuova moneta ideata dal Presidente, non è nemmeno partita. Garantita dalle vendite del petrolio futuro, praticamente già da anni venduto ai cinesi, il Petro ha solo fatto flop.

 

In pochi anni sono crollate le produzioni di petrolio, alimentari, energia. Ma il peggio deve ancora arrivare.

 

In una totale assenza di interesse da parte di Usa ed Europa troppo concentrate sulle guerre commerciali e sulle grandi migrazioni, soprattutto africane, il Dittatore può’ manovrare da solo quello che rimane del paese con un’opposizione che fa rumore ma nulla più.

 

Certo questo disinteresse unito, alla politica di veti incrociati di alleanza diverse ( Cina, Russia, India e Cuba pro Maduro, Usa ed Europa contro) favorisce anche una politica del non fare nulla e questo, in ogni caso, per il Venezuela è solo una sentenza di morte economica e soprattutto sociale.

Venezuela in agonia. Un'opposizione inesistente a Maduro

Tre gli oppositori più accreditati che si muovono su un’arena molto difficile: Henry Falcon, ex aficionados di Ugo Chavez, ma ora interessato a politiche liberiste; Reinaldo Quijada, un ingegnere che vorrebbe ridisegnare le politiche caviate e da ultimo il pastore evangelico Javier Bertucci, discusso personaggio con interessi molto terreni.

Tra le minacce dei pretoriani di Maduro e una realistica impossibilità a fare nulla nulla, è senso comune che questi personaggi ci debbano essere, ma sembra praticamente impossibile possano far cambiare qualcosa.

 

La realtà è che, negli ultimi due anni e mezzo, hanno lasciato il paese oltre 2 milioni di venezuelani e solo nel primo semestre del 2018 altri cinquecentomila, ricchi e poveri e media classe.

 

Fa impressione, tra le molte criticità, vedere il problema della scuola. Infatti il 12% del personale della scuola è assente da tempo e non si riesce a sostituirlo perché mancano e competenze . Ed allora le maestre e i maestri sono i genitori degli stessi scolari che volontariamente si dedicano all’insegnamento.

Venezuela in agonia. L'Armageddon del Paese sudamericano

Che succederà? 

L’’Armageddon’ del Paese è molto vicino. i black out di energia sono ormai all’ordine del giorno. Se la comunità internazionale il Venezuela in breve tempo diventerà un paese distrutto dal terremoto come fu per Haiti.

 

E nel frattempo? Per il Presidente Nicolas Maduro è solo colpa delle politiche capitaliste e della  loro controinformazione mirata alla diffamazione del lavoro del Governo del popolo. 'L’imperialismo americano sta pensando di destabilizzare il Venezuela ed allora massima allerta alle Forze Armate’ grida Maduro ripreso dalla sua televisione. Sembrerebbe anche una comica se non fosse che ad essere coinvolti in questa follia ci sono milioni di persone allo stremo.

 

Certo che se ci si limitasse a vedere la pubblicità televisiva della compagnia Air Venezuela non si può  immaginare tutto questo. 

La verità la sanno purtroppo bene i venezuelani che, almeno quelli fortunati, che possono comperare un biglietto aereo, hanno probabilmente bisogno non di un portafoglio, ma di un intero baule ripieno di carta moneta.

Due se devono acquistare pure un, improbabile, ritorno.  

 

 

Tags:
nicolas maduroinflazionebolivar

in evidenza
"Dogman" film candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" film candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

i più visti
in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.