A- A+
Esteri
Macron travolto dal "caso bodyguard" dichiara: "Benalla non è il mio amante"

Emmanuel Macron travolto dallo scandalo di Alexandre Benalla. Caso bodyguard: "Benalla non è il mio amante"

 

La guardia del corpo, "the bodyguard", fu un film di grande successo all'inizio degli anni Novanta, fondato sulla storia d'amore impossibile fra un agente interpretato da Kevin Costner e la star vittima di stalking cui prestava il volto la cantante Whitney Houston.

Oggi però "The bodyguard" non è più un film bensì una realtà spinosissima per il presidente francese Emmanuel Macron, costretto perfino a rinviare riforme importanti perché travolto dallo scandalo di Alexandre Benalla, la guardia del corpo ripreso in un video mentre pesta con violenza due manifestanti. Benalla, protetto fino all'ultimo dall'Eliseo e destinatario di bonus e di privilegi, è stato licenziato (tardivamente, troppo) ma lo scandalo non si placa.

Voci di corridoio, accuse, illazioni, proteste, richieste di chiarimenti... l'estate francese non è mai stata così torrida per l'Eliseo, tanto che lo stesso Macron è stato costretto a indire una conferenza stampa in cui prova a fare chiarezza sulla vicenda.

Bisogna spezzare una lancia a suo favore: non addita nessuno come capro espiatorio ma si prende tutta la responsabilità del trattamento di favore a Benalla.  «Quel che è successo il primo maggio è grave, serio. Per me è stata una delusione, un tradimento. Nessuno accanto a me o nel mio gabinetto è mai stato protetto o sottratto alle regole e alle leggi della Repubblica».

E poi ancora: «Se cercano un responsabile, il solo responsabile, sono io e io solo. Sono io che ho dato fiducia a Alexandre Benalla. Sono io che ho confermato la sanzione. Questa non è la Repubblica dei capri espiatori, la Repubblica dell’odio. Non si può essere capi solo nella buona sorte. Se vogliono un responsabile, è davanti a voi. Che vengano a cercarmi. Io rispondo al popolo francese, al popolo sovrano».

Ma la frase più peculiare è quel "Benalla non è il mio amante", mai richiestagli da alcuno, quasi a tentare di smentire il pettegolezzo strisciante su un suo presunto rapporto intimo con la sua guardia del corpo. Un'altra volta lo spauracchio dell'omosessualità celata, quell'elemento di disturbo che - periodicamente - torna a rendere vulnerabile il presidente francese. E quella smentita non richiesta, per molti - in primis i suoi detrattori - sa tanto di excusatio non petita e accusatio manifesta

Intanto Oltralpe le opposizioni riprendono gli attacchi all'Eliseo, lasciando intendere che, amante o non amante presidenziale, il "caso Benalla" è ben lungi dall'essere chiuso e potrebbe davvero mettere in crisi definitivamente la leadership di Macron, l'ex beniamino dei francesi.

Tags:
franciaemmanuel macronalexandre benallaeliseomacron gaybodyguardamante del marito a letto
in evidenza
Raiola: "Juventus? E' tutto fermo Era fatta col Milan, ma poi..."

Clamoroso!

Raiola: "Juventus? E' tutto fermo
Era fatta col Milan, ma poi..."

i più visti
in vetrina
Isola dei famosi 2019 finale: Marina La Rosa, Maddaloni e.. I VERDETTI. Isola dei famosi 2019 news

Isola dei famosi 2019 finale: Marina La Rosa, Maddaloni e.. I VERDETTI. Isola dei famosi 2019 news


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari P80/C one-off progettata per rimanere unica

Ferrari P80/C one-off progettata per rimanere unica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.