A- A+
Esteri
Maduro e Chavez finanziarono Iglesias per formare Podemos?

Di Vincenzo Caccioppoli

Fra tutti coloro che si sono schierati con Maduro, uno fra i più convinti difensori del dittatore venezuelano è stato sicuramente Pablo Iglesias, capo del partito spagnolo di estrema sinistra “Podemos”. Ma secondo alcune fonti giornalistiche citate dal quotidiano online Ok diario, questa difesa sarebbe dovuta a motivi che poco hanno a che fare con la democrazia e con il rispetto della volontà popolare, come affermato dall'esponente politico spagnolo, subito dopo il colpo di mano di Gaudiò, autoproclamatosi presidente in pectore. Secondo il procuratore venezuelano, con passaporto spagnolo, in esilio da quattro anni, Miguel Ángel Martín Tortabú, Maduro, infatti, avrebbe dei conti segreti di svariate centinaia di milioni di dollari nella isola caraibica di Granadinas, casualmente lo stesso paradiso fiscale, in cui sarebbe stato effettuato un pagamento a Iglesias di 273.000 dollari nel 2014. Esattamente nel marzo di quell'anno, infatti, a soli due mesi dalla fondazione della sua nuova formazione politica, il leader della sinistra spagnola avrebbe ricevuto su un conto a lui intestato un bonifico di 272.325 dollari. Il pagamento sarebbe stato dovuto per non meglio precisate consulenze che Iglesias avrebbe svolto nel paese venezuelano su tematiche sociali. Il pagamento fu effettuato per conto del ministro dell'economia e finanze del popolo Rodolfo Clemente Marco Torres. Secondo quella che è la tesi del procuratore venezuelano, acerrimo oppositore del regime Maduro, questi soldi invece servirono a finanziare la propaganda politica del partito di Iglesias, e facevano parte di un preciso progetto di finanziamento verso tutti i principali partiti di sinistra in Europa. A quanto risulta da alcune fonti giornalistiche differenti comunque Iglesias e Juan Carlos Manadero, cofondatore di Podemos, lavorarono diversi mesi a Caracas, nel 2013, per occuparsi anche dell'immagine della compagnia petrolifera PDVSA, nei giorni scorsi colpita da un pacchetto di sanzioni molto dure da parte dell'amministrazione americana. La stessa società sarebbe tra le altre cose coinvolta nello scandalo Oldebrecht, che ha sconvolto nei mesi scorsi la politica brasiliana, determinando anche l'incriminazione dell'ex presidente Lula. “E' tutto regolare- si è affermato ma commentare Iglesias- si tratta di soldi pagati per consulenze retribuite. Podemos non è mai stata finanziata da Chavez”. Sarà anche cosi, resta il fatto che sui rapporti fra lui e Cahvez prima e Maduro dopo, sono anni che si rincorrono voci piuttosto controverse in merito proprio alla possibilità che il partito spagnolo abbia ricevuto finanziamenti più o meno leciti dal Venezuela.

Stando alle dichiarazioni del leader spagnolo, il i soldi ricevuti da Maduro proveniva appunto da una consulenza svolta per i governi di Venezuela, Ecuador, Bolivia e Nicaragua sulla possibilità di creare una moneta unica per l'Alba, l'alleanza bolivariana delle Americhe. Uno studio di due anni, per i quali sarebbe stato pagato con il professore Manadero circa 200 mila euro all'anno. Secondo il quotidiano el Economista, invece dal 2013 al 2016 Podemos avrebbe ricevuto finanziamenti, tramite la fondazione CEPS, ora non più attiva,  per oltre 8 milioni di euro dal regime venezuelano.

Secondo alcuni, Podemos sarebbe  addirittura una vera e propria emanazione del chavismo in Spagna. Il progetto pilota da esportare prima in Gran Bretagna, non è assolutamente un mistero che ci siano legami piuttosto stretti fra Jeremy Corbyn e lo stesso Maduro, e di seguito fra i principali partiti di estrema sinistra nel resto di Europa. Insomma i dubbi restano e la difesa che Iglesias ha fatto di Chavez prima e Maduro ora, certamente non aiuta a dissipare i tanti misteri che circolano da tempo sui rapporti fra Podemos e il regime di sinistra venezuelano

 

Commenti
    Tags:
    madurochavezpablo iglesiaspodemos
    in evidenza
    Ratajkowski versione coniglietta Emily scalda la rete. LE FOTO

    Show della modella juventina

    Ratajkowski versione coniglietta
    Emily scalda la rete. LE FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello 2019, MILA SUAREZ: CONFRONTO CON ALEX BELLI. NOMINATION E... Gf 2019 news

    Grande Fratello 2019, MILA SUAREZ: CONFRONTO CON ALEX BELLI. NOMINATION E... Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Insignia: quando l’ammiraglia si da’ all’off-road

    Opel Insignia: quando l’ammiraglia si da’ all’off-road


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.