A- A+
Esteri
Salvini faccia attenzione ai falsi amici sovranisti

C’è un punto non completamente acquisito della dottrina sovranista che riemerge ogni volta che si vuole condividere, per così dire, la gioia del sovranismo con altri.

E cioè il sovranismo (e non entriamo in dotte disquisizioni riguardo al suo rapporto con il populismo) è, per sua natura, esclusivista nel senso che non è un bene “condivisibile” per definizione, tranne rare eccezioni.

Il sovranismo fa gli interessi della propria nazione e quindi non ci si può alleare con chi, in genere un altro sovranista, deve perseguire interessi contrapposti.

E non è che il sovranismo pone solo limiti territoriali, ma li pone anche ideologici perché gli effetti di alcune scelte vanno poi a dispiegarsi a miglia di chilometri di distanza, magari dall’altra parte di un oceano.

E veniamo ai casi concreti.

L’Italia, retta da una maggioranza giallo-verde sovranista, non può condividere le “gioie” di questa ideologia con altre nazioni ugualmente sovraniste, o almeno non con tutte.

E cioè Salvini al potere e la Meloni attualmente all’opposizione sono attrattati, ad esempio, dalla figura di Orban, ma l’Ungheria ha interessi geopolitici contrapposti ai nostri sul tema dei migranti, niente affatto secondario nell’agenda governativa.

Quello che va bene all’Italia non va bene all’Ungheria e viceversa.

E così è con l’Austria del “comandante Kurz” per la situazione dell’Alto Adige o Sud Tirolo, come lo chiamano loro.

Vienna ha in programma di concedere la nazionalità agli abitanti di lingua tedesca che abitano in Alto Adige e non ha mancato di randellare quasi peggio della Commissione Ue e della Francia la nostra manovra economica, evidentemente per trattare sugli altri temi.

E ne sapeva bene qualcosa un altro famoso sovranista, Benito Mussolini, che non ci pensò molto nel 1934 a schierare quattro divisioni al Brennero quando dovette affrontare la salita al potere dei nazisti austriaci sostenuti direttamente da Berlino, dopo l’assassinio del cancelliere amico dell’Italia e personale del Duce, Dolfuss.

E se non ci fu conflitto fu solo perché il dittatore nazista fu costretto da Mussolini stesso a dichiarare il suo “rammarico” per l’attentato, mentre gli altri Paesi europei facevano, come al solito, orecchie da mercante e poi ci furono le sconsiderate sanzioni per l’Etiopia che riconsolidarono i rapporti tra Italia e Germania.

Tornando all’attualità, la natura sostanzialmente esclusivista del sovranismo non esclude che si possano invece fare alleanze con “sovranisti lontani” nella metrica dello spazio e degli obiettivi, ad esempio è il caso della Russia di Putin o magari degli Stati Uniti di Trump.

Mentre il cosiddetto Gruppo di Visegrád (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) non sembra un terreno fertile di vantaggi per il nostro Paese, come neppure Vienna è, almeno in questa fase, un soggetto propriamente amico.

Si capisce comunque che Salvini sia attratto da queste “amicizie pericolose” per due motivi: uno è che quando si sono raggiunti grandi risultati in termini di consensi nel proprio Paese si vorrebbe condividere la gioia con altri che la pensano come noi, e questa è una naturale spinta psicologica, ma Salvini è troppo “politico” per cedere solo all’entusiasmo fanciullesco. In vista delle europee sta cercando di guidare i movimenti sovranisti nel Vecchio Continente, ambizioni più che giusta, ma che deve essere necessariamente coniugata ad una buona dose di attenzione per i “parenti serpenti” che solo apparentemente sono “amici”.

 

 

Commenti
    Tags:
    matteo salvinigiorgia melonidonald trumpvladimir putinsovranismobenito mussoliniadolf hitlersomaliadolfuss
    in evidenza
    Renzo Arbore ad Affaritaliani.it "Mi rivedo in Fiorello e poi.."

    Spettacoli

    Renzo Arbore ad Affaritaliani.it
    "Mi rivedo in Fiorello e poi.."

    i più visti
    in vetrina
    Milan: Quagliarella, Origi e Rashford dopo l'addio a Ibrahimovic

    Milan: Quagliarella, Origi e Rashford dopo l'addio a Ibrahimovic

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-AMG A 35 4MATIC: la “piccola” sportiva

    Mercedes-AMG A 35 4MATIC: la “piccola” sportiva

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.