A- A+
Esteri
Sempre più sangue di studenti in Nicaragua contro il presidente Ortega

'Oltre 350 morti, più di 2000 feriti e 200 persone disperse’ è il triste bollettino di guerra della guerra civile in Nicaragua cominciata il 18 aprile scorso.

Lontano dalla lente dei grandi giornali italiani il Nicaragua è un paese che ha un triste primato, quello di avere , nel proprio DNA, una tradizione di guerra civile. Fin dagli anni settanta le piazze del paese spesso si sono riempite di manifestanti, ma questa volta è tutto molto più duro.

Guerra civile in Nicaragua. Per cacciare il dittatore Ortega

Tutto è iniziato da una protesta contro la legge sulle pensioni, una sorta di legge Fornero del Centroamerica, poi la protesta, dopo un’incontrollata e violenta risposta della polizia governativa, è degenerata nelle piazze per chiedere le dimissioni del presidente Daniel Ortega.

E la polizia, davvero da quelle parti non scherza. I proiettili delle armi usate nelle manifestazioni di piazza, secondo quanto dicono i portavoce degli studenti che hanno guidato le proteste, sono veri e non certo di gomma.

Certo perché, se da un lato la polizia agli ordini di Ortega non fa sconti, dall’altro le migliaia di persone che manifestano nelle strade sono più che mai determinate e non intendono fermarsi accusando il Presidente e il suo Governo di stare perpetrando un vero e proprio genocidio.

E pure la Chiesa pare essersi messa dalla parte dei manifestanti, con molti preti a marciare nelle piazze insieme ai cittadini e agli studenti che spesso scappano nelle chiese per difendersi contro la violenza. 

‘Non c’è la volontà del Governo-dice la comunità ecclesiastica nicaraguense-di dialogo sincero. Non si cercano le strade migliori per dare soluzione a questa crisi'.

Guerra civile in Nicaragua. Chiesa e Comunità internazionale a difesa dei manifestanti

E in tutto questo come si difende il Governo? 

Ritiene giusto e doveroso difendere il paese da chi vuole alterare l’ordine costituzionale e i principi della legge ma non risponde quando le evidenze testimoniano ad esempio che, nelle manifestazioni, vengono usati fucili per franchi tiratori ( i micidiali Catacumbo) e carabine lanciagranate M-79.

La Comunità  internazionale, in particolare i portavoce degli Osservatori Americani sui Diritti Umani attribuiscono al Presidente e alla vicepresidente, guarda caso la moglie, la responsabilità di una repressione brutale dove sono state compiute ogni tipo di atrocità.

E pure l’Europa, con l’Alto Commissario, Federica Mogherini si è fatta sentire denunciando come 'deplorevoli gli atti di violenza contro civili e studenti, come pure i ritardi nelle cure mediche dei feriti’.

Una guerra che sembra senza fine, da una parte la gente che chiede le dimissioni dell’intero Governo e dall’altra gli squadroni militari del Governo senza mezze misure.

Il bagno di sangue continua.

 

 

 

 

Tags:
daniel orteganicaragua

in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

i più visti
in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.