A- A+
Esteri
Usa, sconfitta storica dei democratici. La Camera e il Senato ai repubblicani

Il Congresso Usa rimane in mano repubblicana, e di fronte alla vittoria di Donald Trump, garantirà al nuovo presidente una vita assai più tranquilla di quella che ha dovuto affrontare Obama negli ultimi anni, con entrambe le camere a maggioranza conservatore.

I sondaggi davano per certo che il Gop avrebbe mantenuto il controllo della Camera, mentre i democratici speravano - confortati dai sondaggi - di poter ribaltare la situazione al Senato e prendere il controllo. Ma non è successo: pur conquistando un seggio in più rispetto alla situazione precedente, i dem si fermano a 45 seggi, ben 5 sotto la maggioranza. Paul Ryan, speaker della Camera, ha detto a spoglio ancora in corso: "Sono seduto e guardo i risultati - ha detto dalla sua casa - e questa è davvero una bella notte per l'America. Incrociamo le dita". Ryan è stato rieletto al Congresso: ha conquistato il 68 per cento dei voti nel suo distretto in Wisconsin, Stato che può essere fondamentale anche nel decidere la presidenza.

Il nuovo Congresso affronterà la particolare situazione di avere un presidente dello stesso partito che da molti leader Gop è stato delegittimato e con cui il miliardario ha litigato più volte. Alla fine della campagna addirittura il miliardario ha smesso di partecipare alle raccolte fondi del partito. E non sono pochi i deputati e i leader del partito che hanno preso le distanze da lui. Il caso più esemplare: l'ex presidente George W. Bush che ha detto di aver votato scheda bianca pur di non votare per Trump. O il senatore John McCain.

La campagna di Trump è stata una lunga luna di miele con gli elettori, che oggi hanno confermato di dare fiducia alla sua persona al di là delle prese di posizioni reazionarie, populiste, quasi razziste e certamente sessiste, luna di miele che con il partito non è mai esistita, sin dalle primarie in cui ha sbaragliato tutti i candidati preferiti dai vertici. Ora inizia una nuova sfida: convivere e fare politica. In una situazione sulla carta ideale. Gli insulti e le prese di distanza sono ancora vicini, ma il potere può guarire tutto.

Tags:
congresso usaelezioni congresso usacamera senato usa

in vetrina
Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

i più visti
in evidenza
"Mio figlio si è tolto la vita Vorrei il GF Vip come terapia"

LORY DEL SANTO CHOC

"Mio figlio si è tolto la vita
Vorrei il GF Vip come terapia"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.