A- A+
Esteri
Usa, un giudice blocca la pistola stampata in 3D

Lo stop e' arrivato all'ultimo minuto: in Usa un giudice ha bloccato all'ultim'ora, poco prima che divenisse legale, la distribuzione on-line delle istruzioni in 3D per fabbricare armi da fuoco. Da oggi, primo agosto, doveva essere legale negli Stati Uniti scaricare da Internet i progetti e i codici per stamparsi una 'pistola fantasma' con una stampante 3D. Ma in realta' i progetti erano gia' scaricabili dal 27 luglio. E, secondo la rivista Wired, erano gia' stati "scaricati migliaia di volte" Lo sconsiderato progetto, in un Paese periodicamente sconvolto da stragi di massa spesso compiute con armi acquistate legalmente, era frutto di un accordo del governo di Donald Trump con l'azienda che vuole commercializzare i piani.

Ma in realta' la stessa posizione dell'amministrazione Trump e' confusa: martedi' era sceso in campo lo stesso presidente americano per dirsi perplesso: "Sto esaminando le pistole di plastica stampate in 3D, vendute al pubblico. Ho gia' parlato con la NRA (la potente lobby delle armi, ndr) e non sembra avere molto senso!". Per adesso comunque c'e' lo stop della giustizia, anche se solo temporaneo: il giudice federale, Robert Lasnik, di Seattle, nello Stato di Washington, ha accettato la richiesta dei pubblici ministeri di otto Stati diversi e del Distretto di Columbia, dove c'e' la capitale Washington, definendo l'accordo con il gruppo Defense Distributed come "arbitrario e capriccioso".

Venti procuratori dello Stato avevano anche scritto al ministro della Giustizia, Jeff Sessions, e al segretario di Stato, Mike Pompeo, per denunciare l'accordo tra il governo e l'azienda: si tratta di un accordo "profondamente pericoloso che potrebbe avere un impatto senza precedenti sulla sicurezza pubblica". A giugno, dopo una lunga battaglia giudiziaria, il governo federale aveva autorizzato Difense Distribuited a caricare on-line gli schemi numerici per fabbricarsi da soli, in casa, un'arma da una stampante 3D.

L'oggetto e' di plastica, ma funziona come una vera e propria arma; e potenzialmente e' non rintracciabile ne' rilevabile dai metal detector. Il tema e' molto 'sensibile' negli Stati Uniti dove ogni anno circa 30.000 persone muoiono per spari da armi da fuoco: il Paese e' profondamente divisa sul tema del controllo delle armi personali, ma negli ultim tempi e' sempre piu' crescente il movimento che chiede una maggiore regolamentazione. Ancora piu' sorprendente e' che Trump stesso sembra opporsi a questo nuovo modo di armarsi. La NRA, che e' la lobby principale a favore delle armi da fuoco e che riunisce i principali produttori, non si e' espressa sul tema, ma potrebbe non vedere di buon occhio questa nuova competizione.

Tags:
in usaun giudice blocca la pistola stampata in 3d

in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.