A- A+
Fatti & Conti

di Sergio Luciano

Napoli brucia, Napoli crolla, Napoli sogna di volare: volare più di oggi. Mentre il capoluogo campano, regno del sindaco-sceriffo Luigi “Sparame ‘mpietto” De Magistris, incassa in una settimana un crollo da scavi incauti della metropolitana e un incendio doloso nell’unica parte risanata dell’ex siderurgico di Bagnoli, c’è chi vagheggia una miliardata di investimenti per prolungare la linea della metropolitana dall’attuale capolinea della Stazione centrale all’aeroporto di Capodichino. E c’è anche chi, per sovramercato, delinea una specie di “gemello siamese” dello scalo campano a 20 chilometri a Nord-Est, a Grazzanise, un’opzione che il piano nazionale degli aeroporti appena scodellato dal ministro Corrado Passera non contempla ma tant’è: chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto, tra poco Passera non sarà più al governo e con lui volerà via questo embrione di pianificazione che aveva per la prima volta tentato di mettere ordine nei cieli italiani.

Sono queste le cose che possono far pensare a quel 75% di italiani che non hanno (ancora) votato Grillo che forse avrebbero fatto meglio a convertirsi a loro volta allo sfascismo del “tanto peggio”. Già, perché nell’ultima riunione del Cipe – il Comitato interministeriale per la programmazione economica – il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha “informato” (così recita la nota del governo, significa che c’è stata una presentazione ma non un’approvazione) il comitato dello “stato di attuazione del progetto definitivo della linea 1 della metropolitana di Napoli, ed in particolare della tratta Centro Direzionale – Capodichino che comprende 4 nuove stazioni (Centro Direzionale, Tribunale, Poggioreale e Capodichino) e 3,5 km di gallerie, per un costo complessivo di 815 milioni di euro”. Avete capito bene, 815 milioni di euro: che nessuno, in Campania, ha. Intendiamoci: sacrosanta infrastruttura. Ma tutta – tutta – da finanziare. Come, mistero.

E non basta. Mentre gli attuali progetti si limitano – umilmente – ad avanzare a Capodichino il nuovo capolinea del metrò, dal suo autorevole osservatorio il presidente dell’Enac Vito Riggio (presidente a breve scadenza, tra tre mesi…) ha spezzato una lancia a favore del nuovo aeroporto di Grazzanise, che porterebbe con sé un ulteriore prolungamento del metrò. Per Riggio, “Grazzanise è la naturale integrazione di Capodichino, al sud servono altre infrastrutture, e soprattutto serve il nuovo aeroporto di Napoli: è stimato che nel 2020 la domanda in Campania sarà di 10,5 milioni di passeggeri e l'Enac (Ente nazionale aviazione civile) giudica insufficiente Capodichino che, per le caratteristiche, non può andare oltre una capacità di 6-7 milioni di passeggeri l'anno”. In questi termini Riggio si è espresso ufficialmente nel suo rapporto alla Commissione Trasporti della Camera. Per Riggio, Napoli Capodichino è tra le case e può accogliere 1 o 2 milioni di passeggeri in più ma non oltre. Ma anche Roma Fiumicino - dove i Benetton stanno facendo salti mortali per aprire la loro beneamata terza pista – può crescere e accogliere i 50 milioni di passeggeri del 2017, “ma vanno garantite le condizioni necessarie per tutelare gli investimenti, risorse private”. E perciò il presidente Enac indica tra le maggiori necessità, l’accelerazione su progetti chiave: appunto Grazzanise e poi Viterbo, come secondo aeroporto del Lazio. Inutile dire che anche Viterbo non era contemplato dal piano Passera.

Tags:
napolicapodichinoaeroportienacriggio

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.