Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Telecom e Mediaset pronti alla fusione? La clamorosa indiscrezione di Affari

Il retroscena che Affaritaliani.it è in grado di svelare è clamoroso: un tavolo informale è stato avviato in questi giorni. Oggetto della discussione, la fusione tra Mediaset e Telecom Italia

telecom

Di Marco Scotti
@marcoscotti83

Inutile cercare fonti ufficiali, le conferme non arriverebbero. Ma il retroscena che Affaritaliani.it è in grado di svelare è clamoroso: un tavolo informale è stato avviato in questi giorni. Oggetto della discussione, la fusione tra Mediaset e Telecom Italia. Lo ribadiamo, inutile provare ad avere conferme, nessuno dei diretti interessati lo ammetterebbe mai. Eppure, ci sono parecchi indizi che portano in questa direzione. Prima di tutto, è ormai da anni che si vuole disseppellire il concetto di integrare telecomunicazioni e produttori di contenuti, tanto che i grandi gruppi produttori (o editori) di video stanno seriamente pensando di aggregarsi con i titolari di rete.

Prova ne siano alcuni avvenimenti degli ultimi mesi: in Italia, ad esempio, Marco Fossati nel novembre scorso, durante un colloquio con alcuni giornalisti, rivelò di essere in trattativa con Vivendi per la creazione di una interconnessione tra Telecom e l’azienda francese, che avrebbe garantito all’ex-Sip la disponibilità di contenuti audio e video da veicolare attraverso la banda larga. Sappiamo tutti com’è andata a finire: la “scalata” di Fossati è fallita miseramente, complice l’ostracismo del consiglio di amministrazione e dell’assemblea nei confronti di un imprenditore che non vuole darsi per vinto, dopo aver investito in Telecom oltre 1,1 miliardi e che oggi vede il valore del proprio pacchetto azionario (il 5% complessivo) svalutato di oltre la metà.

Negli Stati Uniti, poi, la recente acquisizione del colosso satellitare Direct TV da parte di AT&T ha mostrato come la progressiva integrazione tra contenuti e infrastrutture di rete sia il futuro. Basti pensare, ad esempio, allo straordinario successo di Netflix, il canale americano che offre contenuti on demand a pagamento che ha deciso di rinviare – a data da destinarsi – il suo approdo in Italia per la carenza di infrastrutture di rete. Questi i punti a favore della ipotetica fusione tra Mediaset e Telecom. Passiamo ai contro, che ci sono e sono particolarmente significativi.

Prima di tutto, l’assetto azionario. Mediaset è in mano alla famiglia Berlusconi, ma sta vivendo un momento delicato, tanto che nei mesi scorsi si è parlato della possibilità di cedere Mediaset Premium a dei compratori stranieri. Fino ad ora è stata completata la cessione dell’11% della pay tv agli spagnoli di Telefonica – in cambio di un assegno da 100 milioni di euro – ma non si esclude che in futuro si possa procedere alla cessione di altri pacchetti azionari. Telecom invece non è nelle mani di nessuno: il progressivo sgretolamento di Telco, la holding che ha dettato legge negli ultimi sette anni facendo più danni di Bertoldo, oggi non esiste più, dopo l’uscita di Generali e di Intesa.

Inoltre, rimane il problema di Telefonica, che è interessata unicamente al Sudamerica e che ha opposto resistenze continue allo sviluppo di Telecom, forse perché spaventata dall’idea di avere un competitor di livello su scala europea. La colpa non è degli spagnoli, che in fin dei conti fanno soltanto i loro interessi, ma piuttosto di chi ha permesso loro di entrare nell’ex-Sip. L’indiziato numero uno è Mediobanca, che cercò di trovare il classico “pollo” da spennare e che ha invece permesso agli spagnoli di mettere un piede nella porta, costringendo Telecom a un immobilismo inspiegabile alla voce investimenti, ricerca e sviluppo.

Poi non va dimenticata la difficoltà manageriale che Mediaset e Telecom stanno vivendo in questo momento: da una parte c’è Confalonieri che cerca di arginare lo strapotere di Sky e di proporre un’offerta competitiva in chiaro; dall’altra c’è Patuano, un manager che continua a navigare a vista, non riuscendo a capire quali siano le reali intenzioni degli azionisti. Il presidente Recchi ha detto ieri che il board sta finalmente lavorando nella stessa direzione, anche se non è chiaro quale sia. Si prospettano, insomma, tempi duri per tutti. Ma il fascino di una fusione come quella che vi abbiamo raccontato sarebbe tale da mettere a tacere tutti quanti. E magari rilanciare le sorti di due aziende appannate.


Condividi su

In Vetrina

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
Il video più apprezzato

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it