A- A+
Fatti & Conti

di Sergio Luciano

La vicenda Malacalza-Tronchetti ha avuto una dinamica paradossale che per fortuna si è conclusa positivamente nell'interesse del bene conteso, il gruppo Pirelli, ma va oggi analizzata retrospettivamente per capire da quali errori è nata e cosa insegna sulla classe imprenditoriale di questo Paese. La cronaca di Affari riepiloga già bene la vicenda. Quel che conta rimarcare è che il gruppo Pirelli – oggi forse la multinazionale manifatturiera più globalizzata che abbia l'Italia (lo è ormai divenuta anche la Fiat, ma “per linee esterne”, ossia grazie alla brillante acquisizione di Chrysler) – sia stato finalmente “messo in sicurezza”. Sia stato cioè scelto da tre investitori istituzionali di alto profilo come oggetto di un investimento strategico che avalla e rilancia la miglior gestione che Pirelli abbia conosciuto – lo dicono i numeri – dal '92 in poi, quella presidiata da Marco Tronchetti Provera. Unicredit, Intesa e Clessidra – le prime due banche del Paese e uno dei principali player europei del private equity – hanno scelto di affiancare Tronchetti e i suoi due soci storici, Moratti e Acutis, in una nuova stagione di sviluppo industriale, con un'operazione che finalmente semplificherà la catena di controllo del gruppo, finora molto (troppo) articolata come peraltro quella di quasi tutti i grandi gruppi a controllo familiare, compresi Agnelli e De Benedetti; e che pone fine dopo un anno di battaglie giudiziarie a una bega esplosa con il socio di minoranza di Tronchetti, appunto la famiglia Malacalza, che era entrata nell'azionariato in un trasparente e condiviso ruolo da comprimario, e si è poi scoperta – a suo dire – misconosciuta nei suoi diritti.

Diciamo subito che questo è uno dei punti paradossali della vicenda: che lo scontro sia arrivato alla fine, con firme vincolanti sugli accordi di separazione consensuale, senza che si sia capito con chiarezza il perché di questo disinganno. L'impressione di tutti è che sia nato, o almeno deflagrato, soprattutto per una questione personale, per una malintesa ambizione di visibilità che il nuovo socio avrebbe desiderato di poter soddisfare e che è rimasta frustrata. Ma accreditare e anche solo occuparsi più di tanto di queste voci sarebbe alimentare il gossip. Il vero problema di questo Paese – riverberato anche da questa lite e dalla sua ricomposizione - è che le famiglie imprenditoriali, che ne costituiscono la linfa, piuttosto che allearsi, litigano; piuttosto che fare sistema, vendono all'estero le loro imprese; piuttosto che trovare accordi, si fanno concorrenza acerrima. In questo caso, sia chiaro, tutti gli estremi di cronaca dicono che la rottura, il malinteso, la polemica è stata tutta di Malacalza verso Tronchetti, e non il reciproco: diciamo che l'imprenditore genovese, per quanto bravissimo nei suoi business (ed anche in questo, visti i 60 milioni di plusvalenza in tre anni sui 100 investiti!) se la sia cantata e suonata da solo...

Resta la sostanza, che è poi la conferma di una linea gestionale efficiente, che ha negli ultimi anni condotto la Pirelli su livelli di eccellenza internazionale e che – oltre ai due soci storici – altri tre, di carattere istituzionale, ratificano: oltretutto, facendo passare sul mercato la “sanatoria” con i Malacalza e quindi gratificando appunto anche la Borsa. C'è anche un altro dato: che cioè Tronchetti accetta, con una maturità inconsueta nel panorama italiano, una programmazione - non blindata ma ragionevolmente attendibile - di un futuro  ridimensionamento del suo ruolo: per quattro anni (e salvo eventuali proroghe), “viene confermata, la preminenza di Nuove Partecipazioni (controllata in ultima istanza da Marco Tronchetti Provera & C. S.p.A.) nella composizione degli organi di gestione e di controllo” ma dopo si vedrà, perché insomma, la cosa non è garantita. E tra quattro anni Tronchetti sarà vicino ai settant'anni...

La morale della favola è semplice. L'impresa familiare è tutt'altro che morta, ed anzi il capitalismo selvaggio si è incaricato di dimostrare al mondo che una proprietà tutta composta di fondi d'investimento o banche d'affari spesso genera mostri quanto e più di una famiglia; d'altronde, le dimensioni che la globalizzazione impone ai gruppi industriali fa sì che le casse di una sola famiglia spesso non riescano a seguire la crescita di un gruppo nei mercati mondiali. Ne consegue che occorre una convergenza tra capitali istituzionali (banche e private equity) e capitali familiari nella proprietà di queste imprese: è oggi il caso di Pirelli, come di tante grandissime imprese non italiane, comprese alcune “Blue chip” mondiali – da Microsoft alla stessa Facebook – che trovano proprio nella confluenza tra una componente familiare della proprietà e una istituzionale la ricetta del successo. A patto che la gestione sia professionale, competente. E così è stato finora per la Pirelli, con Tronchetti al timone: ed è questo che i mercati hanno riconosciuto e gli investitori anche, che non a caso - prima e a prescindere da Unicredit, Intesa e Clessidra - erano già saliti al 70% del flottante della società rispetto al 30% di pochi anni fa...

Tags:
tronchetti proveramalacalzapirelli

in vetrina
Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

i più visti
in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.