A- A+
Food
L'agroalimentare traina la crescita dell'industria, ma cala l'export in Usa

E’ la produzione agroalimentare che traina la crescita dell’industria con un balzo record del 7,5% a gennaio rispetto allo stesso mese dello scorso anno, ma cala l’export dei prodotti della retta e trasformati verso gli Usa. E’ quanto rileva Coldiretti in riferimento ai dati dell’Istat sulla produzione industriale nel mese di gennaio in crescita del 4% su base annuale. L’alimentare -sottolinea Coldiretti- è uno speciale indicatore dello stato dell’economia nazionale poiché si tratta della principale voce del budget delle famiglie dopo l’abitazione con un importo complessivo di 215 miliardi. Il risultato positivo è sostenuto dall’aumento della spesa alimentare degli italiani che nel 2017 è tornata ad aumentare del 3,2% dopo cinque anni di segno negativo. Un risultato che -sostiene l’organismo- non deve essere vanificato dall’aumento dell’Iva che colpirebbe anche beni di prima necessità con effetti drammatici sui redditi delle famiglie più bisognose. “Si tratta di una conferma della necessità di inserite fin dal prossimo Def norme di sterilizzazione delle clausole di salvaguardia dell’Iva”. A gennaio si registra invece una brusca inversione di tendenza dell’export italiano in Usa con una punta del -19,3% per i prodotti dell’agricoltura.  Dopo che nel 2017 le esportazioni in Usa avevano raggiunto complessivamente  il record storico di 40,5 miliardi grazie ad un aumento del 9,8% rispetto all’anno precedente, si verifica una decisa frenata con l’avvio della guerra commerciale tra Unione Europea e gli Stati Uniti. Un braccio di ferro che rischia di alimentare un pericoloso circolo vizioso dopo che, alla decisione di Trump di applicare dazi sull’acciaio e l’alluminio, l’Ue ha risposto predisponendo contromisure su una lista di prodotti americani. Secondo uno studio della Coldiretti la vendetta europea colpirebbe l’agroalimentare italiano per circa 4 miliardi di euro. Gli Usa, rileva Coldiretti, si collocano al terzo posto tra i principali italian food buyer dopo Germania e Francia, prima della Gran Bretagna. E il vino è il prodotto più gettonato dagli statunitensi, davanti a olio, formaggi e pasta. “Occorre scongiurare il rischio di una guerra commerciale che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra Paesi alleati”, dichiara il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo. “Occorre però cogliere questa l’occasione per ripensare norme sul commercio più eque che non si limitino a considerare l’aspetto economico nelle relazioni tra Paesi ma che tengano conto anche del rispetto delle stesse regole sul piano ambientale, della tutela sociale dei lavoratori e della sicurezza dei cittadini”.

         

Tags:
vinopastaoliocoldiretti

in vetrina
Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

i più visti
in evidenza
"Mio figlio si è tolto la vita Vorrei il GF Vip come terapia"

LORY DEL SANTO CHOC

"Mio figlio si è tolto la vita
Vorrei il GF Vip come terapia"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.