A- A+
Food
Toscana, il vino buono si fa anche a Pistoia: #iloveptwine conquista Milano

Si dice sempre che l'Italia è il Paese dei campanili. Un Paese dove è difficile "fare rete" perché il proprio vicino è sempre visto come avversario. Sarà anche vero, ma da Pistoia arrivano due produttori che provano a dimostrare che esiste anche una strada diversa. Si tratta di Fattoria Betti e di Fattoria Casalbosco, due produttori che girano insieme l'Italia (e il mondo, visto che sono stati anche negli Stati Uniti) per promuovere Pistoia: i suoi vini, certo, ma anche il suo territorio. Due cantine diverse che propongono vini dalle caratteristiche differenti, tanto che le si potrebbe definire come le "Sparta" e "Atene" della produzione pistoiese, ma che hanno sapientemente deciso di fare squadra per puntare i fari su una città, un territorio, e dunque una produzione, spesso dimenticati o trascurati all'interno della Toscana.

Pistoia non è certo la prima città che viene in mente quando si pensa alla Toscana. Firenze, Pisa, Siena e non solo vengono prima. Eppure, in un mondo e in un mercato alla continua ricerca della qualità, è proprio dalle città come Pistoia che l'Italia dovrebbe ripartire. Una piccola perla di arte e cultura in una posizione geografica più che vantaggiosa. Quella diversità che tanti paesi stranieri ci invidiano e che eppure non è sempre adeguatamente valorizzata. Fattoria Betti e Fattoria Casalbosco stanno provando con coraggio a cambiare la tendenza anche attraverso il lancio di un hashtag, #iloveptwine, che sta finalmente diventando un trend in città e non solo.

Con questo spirito le due cantine sono arrivate a Milano, dove al ristorante A Casa Eatery hanno presentato alla stampa otto vini, quattro ciascuno. Guido Betti ed Eleonora Ciardi, i direttori commerciali di Fattoria Betti e Fattoria Casalbosco, hanno presentato i loro vini a coppie, sfatando molti miti ed esaltando le differenze, vissute come un punto di forza all'interno di un progetto comune.

guido betti 654x436Guido Betti
 

La Fattoria Betti è nata agli inizi del '900 e sorge all'interno di una villa medicea nel territorio di Montalbano.  Le vigne della Fattoria Betti crescono in un terreno argilloso posto a 150-200 metri sul livello del mare e in prevalenza sono Sangiovese, Cabernet, Merlot, Trebbiano, Chardonnay Canaiolo Nero. La Fattoria produce anche olio ma il fiore all'occhiello sono i vini, che conservano una forte tradizione e che vengono prodotti in un numero limitato di bottiglie. "Ci interessa la qualità e non la quantità", sottolinea Guido Betti, che ha presentato per primo un Bianco di Toscana Igt Creto de' Betti (Chardonnay 70%, Trebbiano 30%), abbinato al Casalbosco Dorato Igt (Chardonnay 90%, Sauvignon 10%).

IMG 9973Eleonora Ciardi
 

La Fattoria Casalbosco sorge invece nelle vallate tra Prato e Pistoia, con gli Appennini sullo sfondo.  L’azienda vitivinicola è di proprietà della famiglia Becagli, attiva nel settore tessile e nel carbonio. La parola d'ordine qui è "innovazione" innestata sulla tradizione, concetto portato avanti con tenacia da Eleonora Ciardi. Un esempio della continua ricerca di "qualcosa di nuovo" è rappresentato dal nuovo Terrecotte, vinificato e conservato in anfore di Terracotta. Fattoria Casalbosco, che ha importanti dati di vendita sul mercato estero, Canada e Cina, in primis, è anche un resort, che offre ospitalità e accoglie eventi di diverso genere.

La seconda coppia di vini degustati a Milano sono stati il  Chianti Montalbano Docg (Sangiovese 90%, Canaiolo e Colorino 10%) di Fattoria Betti e il Casalbosco Chianti Riserva Docg (Sangiovese 90%, 10% Merlot). Da una parte un rosso rubino intenso dotato di una più che piacevole acidità e dall'altra un rosso quasi porpora profumato e con un'ottima persistenza. E' stato poi il turno del Rosso di Toscana Igt Prunideo (Sangiovese 90%, Cabernet Sauvignon 10%) di Fattoria Betti dell'Igt Orchidea (Cabernet Sauvignon e Merlot al 50%) di Fattoria Casalbosco, entrambi perfetti per accompagnare carni e stufati. Chiusura in bellezza con il Vinsanto Doc (Trebbiano in purezza) di Casalbosco, perfetto abbinamento con il dolce, un tortino morbido ripieno di lamponi, e con  il Rosè di Toscana Igt Caprone (100% Sangiovese), un rosato davvero importante che può essere accompagnato anche ad altri piatti non di dessert.

La sensazione, alla fine, è quella di aver scoperto un nuovo angolo d'Italia nel quale si possono scoprire grandi tesori. Sì, in Toscana c'è, eccome, anche Pistoia.

twitter11@LorenzoLamperti

Tags:
pistoiai love pt winefattoria bettifattoria casalbosco

in vetrina
Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Debutto al Paris Motor Show,la nuova Kia e-Niro

Debutto al Paris Motor Show,la nuova Kia e-Niro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.