A- A+
Home
Gian Carlo Caselli: "Che peso aver fatto soffrire i miei famigliari"

In un'intervista al settimanale Oggi, Gian Carlo Caselli dice: "Ho fatto un gran bel mestiere, nonostante polemiche e accuse feroci. Pesa tutto questo, ma non è decisivo, anche se i costi sono stati imponenti… Molti problemi, legati alle sofferenze che ho fatto patire alla mia famiglia, sono riuscito a metabolizzarli con il senso del dovere. Certo, non è stato facile. La sofferenza maggiore è dovuta a mia madre. Quando ha cominciato a stare male, io ero a Palermo. Era grave e non riuscivo a stare con lei. È un peso che m’è rimasto dentro".

Nell'intervista a Oggi, da domani in edicola, Caselli parla dei rapporti stretti con gli uomini della scorta e della paura ("Non si può non avere paura. Forse più che paura è preoccupazione fortissima, che poi sono parenti stretti. Ma non bisogna lasciarsi condizionare") ma anche degli ex colleghi.

Alla domanda su cosa pensi dei suoi ex colleghi, come Rodolfo Sabelli, Antonio Ingroia, Raffaele Cantone, che intervengono continuamente nei dibattiti pubblici, dice: "Anch’io non stavo zitto. Di recente mi sono dichiarato d’accordo con Sabelli. Noto che di giustizia parlano tutti, anche chi non ci capisce niente. Limitare il diritto di intervenire ai magistrati è un controsenso. Il contributo che scaturisce dall’esperienza è insostituibile. Magistrati come Sabelli fanno opera meritoria. L’unico limite è quello di non parlare dei processi in corso".

Si dice orgoglioso dell'accostamento a Francesco Saverio Borrelli («È un gentiluomo che mi ricorda Mario Carassi, il mio maestro») e su Di Pietro e Ingroia commenta: «Di loro due ho sempre apprezzato il fatto di aver scelto un proprio movimento autonomo. Non sono saliti sul carro di nessuno, hanno formato un loro carro…». Il primo era «un organizzatore eccezionale, un mago dell’informatica». E il secondo? «Non riesco a parlare se non bene di quelli con cui ho lavorato a Palermo. E Ingroia era fra i più bravi».

Caselli, su Oggim riserva una frecciata però a Pietro Grasso: "Di lui non ho gradito il silenzio quando mi è stata fatta una legge antipersonam incostituzionale. Mi sarebbe parsa giusta una sua presa di distanza".

Tags:
gian carlo casellisoffertofamigliari

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.