A- A+
Green
Addio ai condizionatori. Nasce la "fabbrica dell'aria" per il fresco naturale

I climatizzatori risolvono il problema del caldo nell’immediato ma contribuiscono in modo sensibile al riscaldamento globale. Come scrive il Fatto Quotidiano, alcune delle menti più brillanti sono a lavoro per risolvere il problema partendo dall’idea della “fabbrica dell’aria”. Si tratta di un un depuratore e condizionatore naturale: piante e alberi, nient’altro. Si tratta di “tecnologia pulita”: ficus, banani e selci dentro una teca di vetro. L’aria viene aspirata nella serra e torna in circolo pulita (col 98% di agenti inquinanti in meno) più fresca e con meno umidità. Le piante a foglie larghe sono le migliori per pulire l’atmosfera. L’idea è di un’azienda italiana con base a Firenze: “Pnat” (ma si legge ‘p ina t’) acronimo di “Project Nature”.

La start-up è nata sotto nel laboratorio Internazionale di neurobiologia delle piante (Linv) diretto dallo scienziato Stefano Mancuso. Il neurobiologo ha appena dato alle stampe un libro dal titolo visionario: “La nazione delle piante”. In tempi di crisi sociale, perché non copiare le regole di convivenza della vegetazione? Intanto, sfruttiamone il valore ecologico. Sempre come scrive il Fatto Quotidano, la “fabbrica dell’aria” oggi è un prototipo. Si trova a Firenze, nell’ex Manifattura Tabacchi, uno stabile industriale in disuso, tornato in vita grazie a Cassa Depositi e Prestiti. Un complesso enorme, su quattro piani, 16 edifici e 100.000 mq. È la moda di oggi: spazi abbandonati, dove c’erano operai alla catena di montaggio, convertiti allo svago e al design, perché tra i pochi settori che tirano.

Tra ex magazzini e stanzoni aperti, trovano ospitalità artisti e scienziati. Pnat infatti include canali differenti: esperti di botanica ed agronomia (Elisa Azzarello, Camilla Pandolfi ed Elisa Masi) e due architetti (Antonio Girardi and Cristiana Favretto di Studiomobile). Il Fatto Quotidiano li aveva già presentati ai lettori, per via dell’orto galleggiante Jellyfi -sh. Anche Chef Rubio ha molto apprezzato il progetto di Pnat: il cuoco e conduttore ha promosso una raccolta fondi sul web per misurare gli effetti benefici degli alberi nel parco Cavallo Pazzo, a Roma, rione Garbatella. Stefano Mancuso e il suo team hanno fornito le stime: 50 chili in meno di agenti inquinanti l’anno; 3500 KwH di risparmio energetico; vantaggi economici per il quartiere da 1.300 euro l’anno. “La vegetazione urbana fa bene al portafogli e alla salute, l’ho scoperto grazie ai libri del professor Mancuso”, dice Rubio che ha anche lanciato il crowdfunding per Stefano Mancuso.

Commenti
    Tags:
    fabbrica dell'ariastartup pnat
    in evidenza
    Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
    Tutti i topless da urlo (e non solo)

    i più visti
    in vetrina
    LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

    LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.