A- A+
Green
Emergenza delfini, già 48 morti nel 2019. La causa è il cambiamento climatico

E' il Turpsios Trumcatus, detto delfino a naso di bottiglia per la particolare conformazione del muso, la vittima dell'anomala e misteriosa moria di questa specie di cetacei, un fenomeno che negli ultimi mesi sta rimbalzando dall'Adriatico al Tirreno, senza ragioni apparentemente evidenti. Il numero degli animali ritrovati spiaggiati e morti lungo le coste dei due mari è insolitamente alto: sul versante tirrenico, considerato il paradiso dei cetacei, e in particolare in Toscana, 34 delfini sono morti da gennaio a oggi, di cui tre solamente negli ultimi tre giorni. A giugno, invece, il fenomeno ha colpito il mare Adriatico settentrionale: in sole tre settimane, 14 delfini sono andati a morire sulle spiagge del Friuli, del Veneto e dell'Emilia Romagna. "Le analisi per capire le cause di queste morti sono in corso - spiega all'Agi Gianna Fabi, ricercatrice presso l'​Istituto per le Risorse Biologiche e le Biotecnologie Marine del Cnr - e ci vorrà del tempo per completarle

Un indizio rilevante è che lo stomaco dei delfini morti nel Tirreno è stato ritrovato semivuoto. "Escluderei che abbiano ingerito della plastica - osserva l'esperta del Cnr - o che siano stati vittime di un fenomeno inquinatorio rilevante, perchè in ambedue i casi si sarebbero trovate delle tracce nell'organismo". Potremmo invece trovarci di fronte a "un'epidemia provocata da un agente patogeno proliferato in seguito ai picchi di temperatura oppure alle piogge molto abbondanti che potrebbero avere abbassato il livello di salinità nelle zone costiere. In questo caso - sottolinea la ricercatrice - si tratterebbe di fenomeni legati al cambiamento climatico contro i quali possiamo fare ben poco, se non cercare di evitare che la situazione peggiori. Forse, ma è solo un'ipotesi, se si riuscisse a capire la natura di questo agente patogeno si potrebbe trovare una cura per questi animali". 

L'altra ipotesi tirata in ballo per spiegare il mistero dei delfini morti nell'area Mediterranea è quella di un "importante inquinamento acustico subacqueo, che potrebbe avere alterato il sistema di ecolocalizzazione di questa specie. I delfini - spiega Fabi - sono animali opportunisti che possono andare oltre la soglia della tollerabilità del rumore pur di arrivare al cibo. Ma, a lungo andare, questo comportamento potrebbe danneggiare il loro sistema di orientamento: non riescono più a localizzare i banchi di pesce di cui si nutrono, per cui si debilitano e muoiono di fame".

Commenti
    Tags:
    delfini mortidelfini spiaggiatidelfini trovati morti
    Loading...
    in evidenza
    Bombe di piazza Fontana Una foto per non dimenticare

    Culture

    Bombe di piazza Fontana
    Una foto per non dimenticare

    i più visti
    in vetrina
    Georgina Rodriguez, gol alla... Cristiano Ronaldo: star a Sanremo 2020. RUMORS

    Georgina Rodriguez, gol alla... Cristiano Ronaldo: star a Sanremo 2020. RUMORS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    ACI lancia sui social, campagna per un corretto stile di guida

    ACI lancia sui social, campagna per un corretto stile di guida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.