Roma, 14 giu. - (AdnKronos) - Ripensare ad un nuovo modello di mobilità, dove a fare la differenza, sia per la salute che per l’ambiente, è la bicicletta. E’ stato questo l’obiettivo del convegno 'Ambiente e salute in bicicletta' organizzato da Saipem per i propri dipendenti in collaborazione con Fiab, la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta. L’incontro ha fatto il punto dei benefici delle due ruote che diventano parte integrante del trasporto cittadino, ridando valore al nostro tempo. E i dati Fiab parlano chiaro: per percorrere 2 Km ci vogliono 10 minuti in bici e 6 minuti in auto, senza però contare il traffico e il tempo perso per trovare parcheggio. A guadagnarci, però, non è solo la qualità dell’aria ma anche la nostra salute. Secondo, il medico sportivo Gianfranco Vender, intervenuto al convegno, l’attività in bici può essere praticata ad ogni età con benefici per la muscolatura, i legamenti e la destrezza motoria.Il segreto, dunque, secondo Giulietta Pagliaccio, vicepresidente Fiab, è riscoprirsi attivi: tutti possono fare 400/500 metri a piedi e 5/10 Km in bicicletta. Per incoraggiare l’uso delle due ruote negli spostamenti casa-lavoro, la Fiab ha partecipato al progetto europeo ‘Bike to work’ che ha coinvolto 12 paesi europei dal 2014 al 2016: grazie ai 580.575 partecipanti è stato possibile risparmiare 54.711 tonnellate di CO2 e 9.286 tonnellate di carburante. Secondo la Pagliaccio "è quanto mai urgente affrontare il tema di un nuovo modello di mobilità per restituire spazio alle persone, abbattere l'inquinamento e rendere più sane e vivibili le nostre città". Per fare questo, aggiunge, "è necessario l'impegno di tutti, dai privati cittadini ai decisori politici e il mondo dell'impresa. Un plauso quindi va a Saipem che ha organizzato un momento formativo/informativo permettendo ai propri dipendenti di fruirne durante il normale orario di lavoro. Auspichiamo che anche altre aziende prendano esempio da questa buona pratica di Saipem per diffondere una cultura ambientale che avrà risvolti positivi nei comportamenti quotidiani dei cittadini".La mobilità sostenibile, spiega Vincenzo Lacalamita, Mobility Manager Saipem, "è oggi un vero e proprio asset aziendale perché contribuisce a rispettare l’ambiente, migliorare la qualità della vita e il benessere generale. In quest’ottica Saipem da anni è impegnata nel sensibilizzare i propri dipendenti a un cambiamento di abitudini per diffondere una nuova cultura della mobilità sostenibile con una serie di iniziative come questa di oggi con Fiab che ha l’obiettivo di evidenziare i vantaggi di un maggior utilizzo delle biciclette". Saipem, inoltre, conclude Lacalamita, "ha messo in piedi una serie di iniziative aziendali che vanno dal carpooling a progetti che favoriscono un maggiore utilizzo di mezzi alternativi all’automobile. È un modo per contribuire alla lotta all’emissioni di Co2 e creare valore attraverso il rispetto dell’ambiente".

in vetrina
Asteroide verso la Terra. Rischio gelo perenne e choc climatico

Asteroide verso la Terra. Rischio gelo perenne e choc climatico

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

motori
Ferrari Dolcevita, il ritorno nel mondo delle coupè 2+2

Ferrari Dolcevita, il ritorno nel mondo delle coupè 2+2



RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.