Roma, 12 nov. - (Adnkronos) - Più di una volta e mezza le dimensioni del Pil globale. È il costo dei servizi ecosistemici forniti dalla biodiversità, come l'impollinazione delle colture, la depurazione delle acque, la protezione dalle inondazioni e il sequestro del carbonio. Veri e propri servizi 'offerti' dalla natura che valgono circa 125-145.000 miliardi di dollari all'anno e che l’uomo sta letteralmente buttando via.Tra il 1997 e il 2011 il mondo ha perso circa 4-20.000 miliardi di dollari all'anno a causa del consumo eccessivo e scorretto del suolo e 6-11.000 miliardi di dollari l'anno per il degrado. È questo l’allarme lanciato da Sir Robert Watson, chimico dell’atmosfera, ex presidente dell’Ipcc e presidente, fino al maggio scorso, dell’Ipbes, una delle figure più autorevoli nel campo della lotta ai mutamenti climatici a livello internazionale. L'occasione è stata l’Aurelio Peccei Lecture 2019 organizzata oggi da Wwf Italia, Fondazione Aurelio Peccei e Club di Roma con il sostegno di Novamont. “I cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità non possono più essere considerati questioni separate, devono essere affrontate insieme e ora - dichiara Watson - compromettono lo sviluppo economico, minacciano la sicurezza alimentare e delle risorse idriche e la salute umana, colpiscono principalmente i poveri e possono portare a conflitti. È essenziale che i governi, insieme al settore privato, affrontino immediatamente questa emergenza”.Ecosistemi sconvolti. L’intervento umano ha trasformato significativamente il 75% della superficie delle terre emerse, ha provocato impatti per il 66% delle aree oceaniche e ha distrutto l’85% delle zone umide. Oltre il 30% delle barriere coralline è a rischio e dal 1970 a oggi lo stato di salute di molte popolazioni di diverse specie di vertebrati è declinato del 60%. Questo sconcertante tasso di cambiamento globale della struttura e delle dinamiche degli ecosistemi della Terra, dovuto alla nostra azione, ha avuto luogo in particolare negli ultimi 50 anni e non ha precedenti nella storia dell’umanità. Le cause principali sono, nell’ordine, la modificazione dei terreni e dei mari, l’utilizzo diretto delle specie viventi, il cambiamento climatico, l’inquinamento e la diffusione delle specie aliene. Troppe specie verso l'estinzione. Almeno un milione di specie viventi sono in via di estinzione e rischiano di sparire nei prossimi decenni, su una stima di specie esistenti di 8 milioni circa. I dati sono contenuti nel rapporto “Global Biodiversity Assessment on Biodiversity and Ecosystem Services” dell’Ipbes (Intergovernamental Science Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services). Il tasso totale di estinzione delle specie è oggi a un livello che supera dalle decine alle centinaia di volte la media del livello di estinzione verificatasi negli ultimi 10 milioni di anni. È stato sin qui documentato persino il rapido declino di diverse popolazioni di insetti in alcune aree e in diversi Paesi, in particolare di molte specie impollinatrici: gli studiosi ritengono valida una stima del 10% complessivo di specie di insetti minacciati globalmente di estinzione.

in vetrina
BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

motori
Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia

Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia



RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.