A- A+
Home
Il Nord colpito dal maltempo, il Sud anche dagli abusi edilizi

Le vittime, sacrificate sull’altare dell’eccezionale maltempo che da giorni sta flagellando l’Italia, purtroppo rimangono drammaticamente sempre vittime, non hanno connotazione regionale e non si possono resuscitare ma, il vero scandalo di questi giorni sta nell’ipocrisia con la quale si sta parlando delle cause che hanno provocato questo disastro annunciato.

 

Se, nel caso del Veneto, il vero e unico responsabile è stato il maltempo che ha scatenato venti da oltre 200 km orari con piogge torrenziali, nel caso del Sud il vero responsabile è probabilmente l’abusivismo edilizio.

L'abusivismo edilizio una metastasi che distrugge il paese

Abusivismo edilizio, due parole sulle quali sono state scritte leggi e controleggi che però, in alcune aree del paese, sono soltanto bei prodotti ‘legiferati’ ma non seguiti.

 

Basti pensare che negli ultimi 10 anni, nel meridione, sono state definite ben 700000 procedure di abbattimento di costruzioni abusive e di queste solo 14000 sono state portate a termine.

Ma per quanto riguarda le procedure di abbattimento predisposte in Calabria e in Sicilia il risultato è stato pari allo zero.

In aggiunta è stato calcolato che al Sud il livello delle costruzioni abusive supera del 50% quello delle regolari.

L'abusiviso edilizio colpa di tutti.

Ed allora con che coraggio amministratori, funzionari pubblici, sindaci, politici e gli stessi cittadini di regioni come Molise, Campania, Calabria, Sicilia e Lazio possono adesso gridare che il Governo li ha dimenticati o dare la colpa ai cambiamenti climatici?

 

Dio non voglia che il Vesuvio dovesse dare segnali di risveglio perché succederebbe una catastrofe su tutte quelle case costruite dove, ora, tutti sanno che non dovrebbero stare ma che, colpevolmente, nessuno vede.

 

Non è una questione tra Nord e Sud è una questione tra leggi rispettate e coscienza e cultura degli stessi cittadini.

 

Qualsiasi abitante di Veneto, Lombardia, Emilia, Toscana, Trentino Alto Adige sa perfettamente  che, se apre una finestra abusiva, avrà vigili e carabinieri a casa nel giro di un giorno, massimo due. 

Multe se va bene, denunce penali se va male.

Certo anche in quelle zone qualcosa sfugge, ma è poca cosa rispetto a quanto è in regola.

Da altre parti questo concetto è assolutamente sconosciuto e le colpe di questo andazzo sono di molti. Per costruire sulla spiaggia una villetta abusiva necessitano almeno otto dieci mesi e non è possibile immaginare che lavori di quel tipo passino completamente inosservati senza la complicità di chi dovrebbe controllare.

 

Solo se anche nel nostro stupendo Meridione tutti cominciassero a rispettare responsabilmente la natura, se stessi e le leggi vigenti (così come viene fatto nella stragrande parte del Paese), tanti disastri si potrebbero evitare e senza colpevolizzare il riscaldamento globale o la tropicalizzazione del Paese.

 

Commenti
    Tags:
    abusivismo edilizionordsud
    Loading...
    in evidenza
    CAST, spifferati 4 nomi a sorpresa E nella Casa entreranno le MILF...

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, spifferati 4 nomi a sorpresa
    E nella Casa entreranno le MILF...

    i più visti
    in vetrina
    LA STAR CON UN PITONE TRA LE GAMBE: GUARDA CHI E'. Le foto delle Vip

    LA STAR CON UN PITONE TRA LE GAMBE: GUARDA CHI E'. Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Militem Magnum: la prima novità del 2020

    Militem Magnum: la prima novità del 2020


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.