A- A+
Home
Il 'peccato originale' di Giuseppe Conte commesso il 28 febbraio 2018

E’ avvocato, parla fluentemente diverse lingue, si sa muovere sugli scenari internazionali con classe, dimostra coraggio, è competente sulla materia giuridica e onesto a tal punto da ammettere se in qualcosa non è sufficientemente preparato.

 

Certo Giuseppe Conte è un premier con i fiocchi che ha fatto ‘innamorare’ pure Donald Trump e ricevuto rispetto dai capi europei, compreso il presidente francese Macron, proprio nel momento peggiore dei rapporti tra Italia e Francia.

 

Probabilmente non buca il video, ma questa non è certo una colpa ( è un dono naturale che si ha o non si ha), e questo neo potrebbe forse sfavorirlo nel caso decidesse di farsi un partito.

Il 'peccato originale' di Giuseppe Conte

Ed allora quale sarebbe il problema?

 

Il problema, se di problema si può’ parlare, sta nel suo peccato originale.

 

Un peccato nato ‘ufficialmente’ il 28 febbraio 2018 quando, sulla scia dell’entusiasmo pentastellato Luigi Di Maio lo presentò, con una metodologia mai usata in Italia, come candidato a Ministro della Pubblica Amministrazione del futuro Governo a trazione grillina.

Quali punti di contatto può’ avere un profilo di questo tipo con il profilo di chi il Movimento se lo è inventato e orientato?

Difficile trovarne qualcuno.

 

Da candidato ministro a premier in due legislature, un passo, anzi un balzo non facile ma l’uomo, visto come outsider da quasi tutti, ha dimostrato di saperci fare e di meritare quel posto.

Il 'peccato originale' di Giuseppe Conte

Adesso però nasce il problema di incoerenza: come fa il premier del 7 Paese industrializzato al mondo a portare avanti la crescita dello stesso seguendo i diktat e l’ideologia del M5S che non voleva, tra l’altro, il TAP, la TAV, la stessa ex Ilva e neppure le Olimpiadi invernali e ha voluto con forza il discusso Reddito di Cittadinanza?

 

La contraddizione è emersa abbastanza chiaramente nel corso della sua visita di ieri allo stabilimento di Taranto. Costretto ad andarci in prima persona, perché difficilmente avrebbe potuto andarci un ministro pentastellato (che in quella città ha preso i voti promettendo la chiusura dello stabilimento) si è dimostrato abile e coraggioso.

 

Con tutta onestà ha detto di non avere la soluzione in mano ma in realtà qualcosa aveva già in mente da poter spendere visto che già domani sembrerebbe già in agenda un nuovo incontro con Arcelor Mittal.

In mano avrebbe due assi: condizioni economiche più favorevoli per l’azienda, qualche aiuto dallo Stato e soprattutto il ripristino della scudo penale.

 

E questo significa che finalmente ha deciso, anche senza la Lega, di bloccare l’ideologia antindustriale di una parte del Movimento grillino e di portare ( eufemisticamente) sul tavolo della trattativa la ‘testa’ della senatrice Barbara Lezzi, la ribelle grillina strenua accusatrice dello scudo penale.

E di redimersi dal suo 'peccato' originale.

 

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    giuseppe contem5sarcelor mittal
    Loading...
    in evidenza
    Victoria’s Secret, show annullato Niente sfilata di Angeli per Natale

    Costume

    Victoria’s Secret, show annullato
    Niente sfilata di Angeli per Natale

    i più visti
    in vetrina
    Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO

    Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie

    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.