A- A+
Home
In tema di giustizia l’Italia pare essere, a volte, un paese all’incontrario

L’Italia, a volte, sembra essere un paese all’incontrario.

 

Succede spesso, nel nostro Paese,che la giustizia decida in maniera diversa da come vorrebbe la maggioranza dei cittadini.

Sbagliano i magistrati? Sbaglia il senso comune delle persone?

 

Non è la prima volta, ad esempio, che onesti cittadini derubati in casa da ladri, di qualsiasi nazionalità, si difendano, magari feriscano i malviventi e poi, sorprendentemente, si trovino a dover pagare penali agli stessi ladri che denunciano di essere stati colpiti.

Italia un paese a volte all'incontrario

Certo una cosa è la giustizia altra cosa è il giustizialismo.

 

Nessuno vorrebbe più vedere l’atmosfera delle vecchiette parigine ( les tricoteuses) che in Francia tra un taglio di testa e l’altro facevano la calza morbosamente curiose ma, qualche sentenza più conforme al sentire comune, molta gente se la aspetterebbe.

 

Ultima di queste vicende ‘curiose’ la sentenza sulla ormai famosa capitana della Sea Watch Carola Rackete entrata a forza nelle acque italiane con il suo carico di migranti facendosi pure largo persino in fase di attracco.

Italia a volte un paese all'incontrario

Certo non è stato un atto di guerra ovviamente. Ma ha scaricato i suoi migranti, sapendo benissimo che, comunque, stava infrangendo la legge italiana .

E’ stata arrestata e dopo appena 24 ore liberata . Nessuno con un minimo di buon senso avrebbe voluto una pena importante in carcere ma nemmeno che fosse liberata ‘con onore’ e nemmeno estradata.

 

E una sentenza del genere proprio non è stata capita da una grande parte del paese.

Ma le sorprese non finiscono mai.

 

Il legale della giovane tedesca ha deciso di querelare persino il Ministro Salvini. Giusta la querela per gli innumerevoli insulti che tanti ‘idioti’ hanno mandato gratuitamente ma, la denuncia al Ministro e indirettamente al Governo italiano, pare un qualcosa di veramente eccessivo.

 

"Abbiamo già preparato la querela nei confronti del ministro Salvini", ha detto Alessandro Gamberini, avvocato della capitana tedesca della Sea Watch 3, che ha annunciato di star raccogliendo "tutti gli insulti" e "le forme di istigazioni a delinquere" pronunciate dal vicepremier e dai "leoni da tastiera abituati all'insulto". "È lui che muove le acque dell'odio", accusa il legale dai microfoni di Radio Cusano Campus, "Una querela per diffamazione è il modo per dare un segnale. Quando le persone vengono toccate nel portafoglio capiscono che non possono insultare gratuitamente".

 

Il legale ha sottolineato che il procedimento contro la comandante tedesca è tutt'altro che chiuso, nonostante la sua rimessa in libertà.

"Espulsione? Difficile per i cittadini comunitari", spiega, "Lasciamo perdere la propaganda truculenta che la qualifica come delinquente, quella che è abituato a fare il ministro dell'interno in maniera invereconda e irresponsabile".

 

"Non mi fanno paura i mafiosi, figurarsi una ricca e viziata comunista tedesca!" la risposta decisa del Ministro Salvini, ministro dell’iIterno di un paese che, a volte, sembra andare alla rovescia.

 

Commenti
    Tags:
    giustiziasea watchitalia
    in evidenza
    Emma Marrone: "Mi devo fermare Ho un problema di salute"

    Spettacoli

    Emma Marrone: "Mi devo fermare
    Ho un problema di salute"

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan JUKE protagonista della Milano Fashion Week

    Nuovo Nissan JUKE protagonista della Milano Fashion Week


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.