A- A+
Home
Lavoratori spiati? può costare caro alle aziende che violano la privacy

Come reagireste se scorgeste una telecamera nascosta che vi osserva mentre siete seduti sul water della toilette dell'azienda in cui lavorate?

Può sembrare una scena da commedia in stile anni '80, ma è quanto veramente accaduto a quattro dipendenti di un'azienda toscana che, insospettite dal comportamento del figlio dei titolari, hanno ispezionato i bagni scoprendo una webcam appostata su un soppalco che puntava proprio sui wc, riprendendole e registrandole nell'intimità dei loro bisogni fisiologici.

Se a spingere l'uomo a spiare le lavoratrici fino a tal punto fosse stata la smania di controllare se queste utilizzassero davvero le pause per i propri bisogni, oppure qualche altra morbosa tendenza voyeurista, non è del tutto chiaro, fatto sta che nel suo pc è stato trovato un archivio contenente i video delle donne in bagno, e per questo le dirette interessate non hanno indugiato e hanno sporto denuncia alle autorità.

Data l'evidenza dei fatti, in primo grado il giudice penale ha condannato l'autore della bravata a un anno e sei mesi di reclusione con il pagamento effettivo di una provvisionale di 10mila euro a ciascuna delle dipendenti ai sensi dell'art.615 bis del Codice Penale, che punisce "chiunque, mediante l'uso di strumenti di ripresa visiva o sonora, si procura indebitamente notizie o immagini attinenti alla vita privata" di una persona.

Ma la scure pecuniaria della giustizia si è abbattuta successivamente sull'azienda, quando il giudice del lavoro, constatando l'ampia dimostrazione del danno morale subìto dalle donne, ha disposto il pagamento di un risarcimento in favore delle quattro donne di 105mila euro per non aver adottato "tutte le misure idonee necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro", secondo quanto richiesto dell'art.2087 del Codice Civile.

Anche se negli ultimi tempi abbiamo spesso sentito dire dai mass media che la privacy dei lavoratori è stata superata con il Jobs Act, ed è pur vero che qualche concessione in più le aziende l'hanno ottenuta, in realtà certi comportamenti che ledono la sfera privata erano e sono tuttora reati puniti dal Codice Penale, cosiccome sono rimasti inalterati tutti i diritti riconosciuti all'individuo dal Codice della Privacy.

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi

Per approfondimenti, vedasi l'intervista a Paolo Stern, membro della Fondazione Consulenti del Lavoro, "Controlli a distanza su pc e cellulari, lavoratori tranquilli, nessuna invasione di cam".

 

Tags:
privacy; controllo lavoratori; telecamere lavoro; dipendenti spiati; jobs act

in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

i più visti
in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.