A- A+
Lavori in Casa
Compensi sportivi: gestione, normative e consigli utili

Tra le norme fiscali vigenti e quelle recentemente modificate, orientarsi nel campo dei contratti lavorativi non è un’impresa di poco conto. Tuttavia, lavorando nel settore dello sport dilettantistico, è doveroso conoscere appieno i compensi sportivi, nonché le relative normative e gli adempimenti da non sottovalutare. Naturalmente, stiamo parlando di una somma di denaro, che qualsiasi ASD (Associazione Sportiva Dilettantistica) o SSD (Società Sportiva Dilettantistica) deve corrispondere ai propri collaboratori per fronteggiare le spese relative al mantenimento dell'associazione stessa (ad esempio rimborsi o trasferte). 

Dal punto di vista normativo, non esiste una definizione vera e propria di attività sportiva dilettantistica, se non quella in contrapposizione con il concetto di attività professionistica: si qualifica come professionismo sportivo una qualsiasi attività sportiva onerosa, svolta con continuità e in relazione a una qualunque delle discipline regolate dal CONI. Ne consegue che verrà configurata come dilettantistica una qualsiasi attività sportiva che non abbia le caratteristiche sopraindicate. 

L'attività sportiva professionistica e quella dilettantistica sono disciplinate da leggi differenti: a livello contrattuale, la prima rientra nel lavoro autonomo o dipendente ed è regolata dalla legge n.91/1981; la seconda, invece, sottostà all'art.37 della legge n.342/2000 e all'art.90 della legge n.289/2002, che considerano i compensi sportivi come redditi diversi. Atleti, allenatori, dirigenti, tecnici e tutte le altre figure in gioco per quanto riguarda un'Associazione Sportiva Dilettantistica possono quindi usufruire del regime fiscale agevolato.

Cosa prevede la legge n.289/2002 per i tutti i compensi sportivi?

Per quanto riguarda i compensi sportivi a soggetti che si configurano come “dilettanti”, il regime fiscale prevede una tassazione variabile, a seconda della fascia in cui rientra il compenso percepito. In particolare, con la legge di bilancio 2018, la no tax area è passata dal limite di 7.500 euro annui a quello di 10.000 euro. Questo significa che i compensi indennità o premi al di sotto di questa cifra sono esenti da contributi previdenziali e IRPEF. La modifica consente alle ASD e alle SSD di avere un margine di retribuzione dei collaboratori maggiore, garantendo un netto adeguato vista la tassazione inferiore. 

Con questi presupposti, è utile considerare che, ad oggi, la legge che regola questo tipo di forme contrattuali prevede:

• Esenzione da imposte e contributi previdenziali per compensi al di sotto dei €10.000;

• Ritenuta del 23% a titolo di imposta per compensi compresi tra €10.000,01 e €30.658,38; 

• Ritenuta del 23% a titolo di acconto per compensi al di sopra dei €30.658,38.

Oltre a questo aspetto, per i compensi al di sotto dei 10.000 euro, non è necessario versare contributi verso istruttori e collaboratori, né tantomeno pagare l'assicurazione antinfortunistica INAIL (gli interessati da redditi diversi, infatti, non sono considerati lavoratori parasubordinati e non sono quindi obbligati in questo senso). Non è doveroso comunicare l’esistenza della collaborazione ai centri dell'impiego e neanche registrarla sul Libro Unico del Lavoro (LUL).

Oneri e adempimenti dei collaboratori retribuiti

Per poter garantire un calcolo corretto della ritenuta da applicare ai compensi, istruttori, allenatori, atleti e collaboratori vari, sono tenuti a presentare un'autocertificazione che attesti i redditi percepiti grazie alle proprie prestazioni. Nel caso in cui i soggetti in questione collaborino con altre ASD o SSD, gli ulteriori compensi ricevuti dovranno essere dichiarati e tenuti in considerazione nel calcolo di imposta. Per ogni "prestazione" dovrà essere rilasciata una ricevuta (non soggetta a IVA), recante una marca da bollo da 2 euro.

Qualsiasi richiesta di rimborso a fronte di una trasferta, di una manifestazione o di una generica attività sportiva, che abbia avuto luogo al di fuori del proprio comune di residenza, deve essere presentata all'ASD o alla SSD accompagnata da tutti gli scontrini e le ricevute relative alla propria partecipazione. Anche in questo caso, dev’essere contrassegnata da una marca da bollo da 2 euro. 

Gestione dei compensi sportivi: come renderla più semplice

Per chi volesse capire come gestire i compensi sportivi in modo semplice, ma efficace e professionale, il nostro consiglio è quello di servirsi di Athletis. Quest’ultimo è un software di gestione e calcolo, che si rivolge in particolare alle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche e che permette di determinare i compensi sportivi sulla base dei contratti di collaborazione sportiva stipulati. 

Registrare l'anagrafica dei collaboratori, procedere alla stampa di ricevute e contratti (anche attraverso l'utilizzo dei modelli preimpostati), gestire le presenze degli istruttori e calcolare automaticamente le ritenute fiscali per compensi al di sopra di 10.000 euro, sono solo alcune delle funzioni che questo programma è in grado di assolvere. Il tutto viene eseguito garantendo il mantenimento delle informazioni attraverso backup periodici, grazie ai quali i dati vengono memorizzati in totale sicurezza. Avvalendosi di un software di questo calibro, è possibile semplificare e ottimizzare la gestione dei compensi in modo professionale e veloce.

Commenti
    Tags:
    compensi sportivi

    in evidenza
    Macigno sul Grande Fratello Vip L'amara scelta di Mediaset

    Ascolti flop

    Macigno sul Grande Fratello Vip
    L'amara scelta di Mediaset

    i più visti
    in vetrina
    Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

    Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.