Roma, 4 lug. (Labitalia) - “Le pensioni d’oro non esistono, esistono i privilegi e certamente non ci riguardano: l’avevamo sempre sostenuto, ora lo hanno confermato, autorevolmente, il ministro del Lavoro e il presidente dell’Inps”. Lo ha detto Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, la Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, commentando il Rapporto Inps 2018 illustrato dal presidente, Tito Boeri, alla presenza del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio. “Finalmente abbiamo ascoltato parole chiare sull’equivoco delle pensioni di importo medio-alto, definite impropriamente ‘d’oro’, un facile slogan ma capace di generare odio sociale e gettare nell’incertezza intere categorie di pensionati. Di Maio –ha proseguito Ambrogioni – ha precisato che ‘se uno ha la pensione alta perché deriva dal lavoro è bene che se la tenga’, aggiungendo di voler colpire i ‘calcoli iniqui’. Anche il presidente dell’Inps ha affrontato l’argomento, negando l’esistenza di pensioni ‘d’oro, d’argento o di bronzo’ e individuando tre componenti della pensione: contributiva, assistenziale e di privilegio".“Cida ha sempre sostenuto di rappresentare categorie professionali le cui pensioni sono un prodotto di contributi versati nell’arco di una vita lavorativa caratterizzata da impegno e responsabilità, funzioni tipiche del lavoro manageriale e dirigenziale", ha aggiunto il presidente della Cida."Abbiamo sempre respinto ogni tentativo di far passare questo ragionamento come una difesa aprioristica di una casta. Ci siamo opposti nelle sedi politiche, istituzionali e giudiziarie, perché nonostante l’evidenza confermasse che i percettori di redditi medio-alti (da lavoro e da pensione) sono quelli che, di fatto, sostengono gran parte della fiscalità generale e del welfare nazionale, sono spesso finiti nel ‘mirino’ del legislatore", ha ricordato Ambrogioni."I casi sono noti -ha spiegato-: dai blocchi della perequazione automatica (ben 8 interventi, con perdita di potere d’acquisto del 15%) ai contributi di solidarietà, un ambito che spetterebbe alla fiscalità generale. “Ci auguriamo che le parole pronunciate oggi dal ministro del Lavoro e dal presidente dell’Inps, siano foriere di comportamenti conseguenti, non punitivi per un’intera categoria professionale. Abbiamo chiesto un incontro a Di Maio proprio per esporre i nostri punti di vista e collaborare ad individuare soluzione pratiche, eque e condivise in termini di interventi sulla previdenza. La materia è delicata, riguarda la vita delle persone e il futuro stesso del nostro Paese”, ha concluso Ambrogioni.

in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

in vetrina
Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Se Tria non condivide, si dimetta
di Angelo Maria Perrino
Caso Olimpiadi 2026, il neo-statalismo 5Stelle “non vede” la liberale Milano
di Ernesto Vergani
Cura di sé: quanto tempo ti dedichi? IL TEST

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

I sondaggi di AI

Se domenica prossima ci fossero le elezioni politiche, chi voteresti?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.