Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Carrozzieri lvh.apa Bolzano, scelta autofficina rimane libera

9 agosto 2017- 14:18
Bolzano, 9 ago. (Labitalia) - La sezione di mestiere dei Carrozzieri lvh.apa Confartigianato Imprese Bolzano saluta con favore la definitiva approvazione del cosiddetto ddl Concorrenza. "Un disegno di legge la cui prima versione venne realizzata oltre due anni or sono, scatenando l’ira dei carrozzieri di tutto il Paese", ricorda sostenendo che, sulla scelta dell’autofficina, "avrebbe infatti portato i proprietari dei veicoli ad essere penalizzati economicamente da parte delle assicurazioni, senza dimenticare che svariate disposizioni normative erano state volute proprio dalle lobby delle assicurazioni". "Disposizioni - avverte - che avrebbero finito per penalizzare non sono le oltre 17.000 carrozzerie italiane e i loro 60.000 dipendenti, bensì anche i fruitori del relativo servizio". Gregor Gross, presidente dei Carrozzieri lvh.apa, chiarisce la situazione: “È cruciale che la scelta dei clienti sia libera. Si tratta del nostro credo, di un traguardo per il quale abbiamo sempre lottato e per il quale continueremo a lottare. Il cliente è il proprietario dell’auto, deve poter scegliere dove portare la propria proprietà a riparare. Il resto viene deciso dal mercato. Molti clienti si affidano a chi svolge il lavoro al meglio e non possono essere le assicurazioni ad operare questa scelta".Grazie a una costante campagna di Confartigianato, alla quale anche lvh.apa e i parlamentari altoatesini hanno preso parte sin dall’inizio, si è riusciti ad eliminare questo pericolo. “Abbiamo difeso il mercato libero in Alto Adige e questo è stato sin da subito il nostro obiettivo", sottolinea il presidente Upaa, Manfred Huber. "I clienti non possono venire trascinati in giro - dice - e ottenere anche dei servizi di livello inferiore. Per fortuna, siamo riusciti ad evitare questo risultato, lottando per un mercato trasparente e ottenendolo infine come legge".La nuova norma riconosce, infatti, agli automobilisti la possibilità di rivolgersi alla propria carrozzeria di fiducia, mantenendo il pieno rimborso dei costi da parte della società assicurativa. Al contempo, è stata confermata l’opportunità di effettuare delle cessioni di credito in favore delle carrozzerie. "La nuova legge sostiene, dunque, anche la competizione tra imprese, senza discriminare le autofficine indipendenti, ovvero quelle che non hanno concluso alcuna convenzione con le compagnie assicurative", conclude.