Milano, 4 lug. (AdnKronos) - Il decreto legge farà saltare tra i 7 mila e i 10 mila posti di lavoro entro il 2020 con il risultato di far aumentare le partire iva, accelerare la robotizzazione e scoraggiare gli investimenti esteri nel settore del legno, mobile e arredamento. A lanciare l'allarme sugli effetti del cosidetto dl Dignità è il presidente di FederlegnoArredo, Emanuele Orsini, che chiede di aprire un tavolo con il governo per discutere delle misure in arrivo. ''Sono seriamente preoccupato -dice all'Adnkronos- si mette in difficoltà un settore che l'anno scorso ha messo a segno un +1,6% e che sta cercando di mettersi definitamente alle spalle gli anni della crisi''. Orsini sottolinea che il settore è composto da 79 mila imprese, dà lavoro a 320 persone e che la media è di 4-5 dipendenti per azienda. ''Ma chi è -dice- quell'imprenditore che assume una persona se dopo 24 mesi di lavoro per licenziarla deve pagargli 120 mila euro? Meglio una macchina al suo posto, o una partita iva''.Perchè secondo il presidente alla fine gli imprenditori sceglieranno il metodo meno pericoloso per la sopravvivenza dell'azienda stessa: ''partite iva per tecnici e altre figure lavorative, esternalizzazioni per lavorazioni produttive e assemblaggi''. Insomma sarebbe un grosso boomerang. ''Queste manovre -sottolinea-?fanno male all'Italia. L'investimento sulle persone per un'azienda è quello più importante. Con una media di 4, 5 dipendenti, si deve fare attenzione a non sbagliare. Una persona rappresenta il 25% del costo del lavoro. Come si fa ad assumere per sempre dopo una manciata di mesi? Se uno è bravo e serve è nell'interesse dell'azienda trattenerlo. Ma se si rivela un investimento a perdere? Che si fa? Se viene a mancare il lavoro che si fa?''. Insomma per Orsini si dovrebbe puntare a dare stabilità e certezze a una filiera produttiva che ogni giorno ha come riferimento i mercati internazionali e non sono quello interno. ''questa manovra -sottolinea-credo debba essere rivista. E su materie così importanti e delicate non può mancare il dialogo tra governo e impresa. Per questo chiediamo di incontrarlo al più presto. Da qui al 2020 dobbiamo inserire 31 mila persone e secondo me possiamo perdere in assunzioni dai 7 ai 10 mila posti di lavoro. Senza contare i contraccolpi che si faranno sentire fino nell'edilizia''.

in evidenza
Cartellino rosso di Zaniolo "Mia mamma al Gf? Proprio no"

L'intervista alle Iene

Cartellino rosso di Zaniolo
"Mia mamma al Gf? Proprio no"

in vetrina
Isola dei Famosi 2019, Ariadna: "Ghezzal figo pazzesco" ISOLA FAMOSI 2019 NEWS

Isola dei Famosi 2019, Ariadna: "Ghezzal figo pazzesco" ISOLA FAMOSI 2019 NEWS

motori
Arriverà nel 2020 la MINI John Cooper Works GP da 300 CV

Arriverà nel 2020 la MINI John Cooper Works GP da 300 CV

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Le sinistre? Hanno tradito i lavoratori e difendono il padronato cosmopolita
di Diego Fusaro
Gilet gialli, torna lo spirito del 1789. Ma il sistema vuole delegittimarlo
di Diego Fusaro
La violenza dei Gilet Gialli? E quella del sistema economico capitalistico?
di Diego Fusaro

I sondaggi di AI

L'analisi costi/benefici di Toninelli ha bocciato la Tav. A questo punto che cosa bisogna fare?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.