Roma, 28 ago. (Labitalia) - "I morti sul lavoro da tempo non fanno più notizia. Se poi il circo mediatico è tutto concentrato sui nomi del prossimo governo, sulle sparate reazionarie di Salvini o sugli appetiti personali di Di Maio, figuriamoci se interessa qualcuno sapere che ad agosto, nonostante le chiusure, nei cantieri si è consumata una strage, con almeno 12 vittime. Se si vuole veramente segnare una discontinuità rispetto al passato, si faccia allora della lotta al lavoro nero e agli infortuni sul lavoro uno dei punti programmatici del prossimo esecutivo, visto che il governo uscente ha fatto poco e male, provando solo a trasformare l’Inail in un Bancomat”. Così dichiara in una nota Alessandro Genovesi, segretario generale della Fillea Cgil, il principale sindacato delle costruzioni, all'indomani dei due ennesimi incidenti mortali avvenuti a L'Aquila e a San Giuliano Milanese. “Nel nostro paese, nonostante una crisi pesantissima, ci sono ancora un milione di lavoratori nelle costruzioni, molti impiegati in cantieri che sembrano veri e propri campi di battaglia. Occorre allora ripartire da un Codice degli appalti che tuteli lavoro, legalità e trasparenza, dopo che lo 'sblocca porcate' varato dal passato governo ha ridotto diritti e protezioni, aumentando la soglia di sub appalto e incentivando il massimo ribasso", prosegue Genovesi. E il sindacalista chiede di "generalizzare la congruità come principale strumento di lotta al lavoro nero in edilizia dando attuazione all’articolo 105 del Codice degli appalti e subordinando tutti gli incentivi privati, dall’eco bonus alle agevolazioni per l’antisismico, al possesso del Durc per congruità". "Occorre -prosegue Genovesi- ripristinare il Dol (Durc on line) per cantiere, riportandone la validità a tre mesi. Occorre introdurre il reato di omicidio sul lavoro, equiparandolo a quello dell’omicidio stradale, per dare un segnale di tolleranza zero verso chiunque risparmi su salute e sicurezza". E ancora, per il dirigente della Fillea, "occorre dare attuazione piena all’articolo 39 della Costituzione per contrastare i troppi contratti collettivi in dumping, per cui in un cantiere si trova oramai di tutto, dalle false partite Iva, a lavoratori assunti con il contratto delle pulizia, del lavoro agricolo, dei metalmeccanici artigiani, contratti che non solo costano meno, ma che non prevedono quella formazione e quelle tutele per la prevenzione degli infortuni che invece ha il contratto dell’edilizia e il suo sistema bilaterale". "Occorre infine permettere agli operai edili sopra i 60 anni di poter andare in pensione, di vedersi riconosciuta concretamente la gravosità del loro mestiere, di scendere dalle impalcature dove rischiano tutti i giorni di farsi male", avverte. "Questi -continua Genovesi- sarebbero punti qualificanti di un programma per tornare ad occuparsi concretamente dei lavoratori. Al Presidente della Repubblica spetterà nelle prossime ore valutare se vi siano le condizioni ed eventualmente indicare il nome del presidente incaricato. Alle forze politiche, però, spetta il dovere, dopo 14 mesi all’insegna dell’intolleranza, dello svilimento del lavoro, di un’assenza totale di politiche industriali, di una campagna elettorale permanente tutta giocata ad incoraggiare i comportamenti più spregiudicati, di provare ad invertire una rotta a favore del lavoro e dei lavoratori". "Per questo, siamo scesi in piazza come edili il 15 marzo, all’interno di una più generale mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil e per questo, se non otterremo risposte, continueremo nella protesta", conclude il numero uno degli edili Cgil.

in evidenza
Eva Henger 'guarda avanti' E la foto del suo LATO B...

Ashley Graham nuda al 100%

Eva Henger 'guarda avanti'
E la foto del suo LATO B...

in vetrina
Elodie e Marracash, bacio appassionato. E il commento di Belen...

Elodie e Marracash, bacio appassionato. E il commento di Belen...

motori
FCA: avviati i primi test di produzione della Jeep® Compass, ibrida plug-in

FCA: avviati i primi test di produzione della Jeep® Compass, ibrida plug-in

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il Tribunale annulla il pignoramento ma la banca non sblocca il conto.
di sotto: Avv. M. Sances e Avv. H. Pisanello
Intervista a Maria Grazia Calandrone. “Siamo un impasto di bene e di male”
di Ernesto Vergani
Ricatti online a sfondo sessuale, gli hacker guadagnano 15mila euro al mese
di Nicola Bernardi

I sondaggi di AI

Duello in tv tra Renzi e Salvini: chi ti e' piaciuto di piu'?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.