Milano, 19 mar. (Labitalia) - Il modem libero è a favore della net neutrality. A sostenerlo uno studio di Uli-Utility line Italia, tra i più antichi Isp (Internet service provider) italiani, in collaborazione con l’Associazione italiana Internet provider. "A seguito della delibera dell’Agcom - ricorda - dal 31 dicembre 2018 privati e aziende non sono più obbligati a utilizzare il modem o il router proposti dagli operatori". Secondo lo studio, "uno degli aspetti problematici del non adeguamento alla direttiva comunitaria è quello del voip con diversi operatori che impongono l’uso del loro apparato al cliente che vuole fruire della telefonia tramite IP, inserendo ad esempio diverse limitazioni come il vincolo della connettività e l’impossibilità di installare centralini pbx"."Sotto l’aspetto contrattuale - continua lo studio - molte compagnie vendono un loro apparecchio al cliente avendo così gioco facile nel proporre upgrade di contratto o spesso inseriscono il router a pagamento. Con un modem di proprietà il cliente ha a suo carico solamente il costo del dispositivo e non canoni di comodato d’uso. Con la nuova normativa, gli operatori possono continuare a proporre un proprio apparato ma devono rendere esplicito il costo del solo terminale differenziandolo da quello di installazione, configurazione e manutenzione. Inoltre, lasciando liberi i clienti di scegliersi il router, sono obbligati a rilasciare anche le configurazioni dei propri numeri di telefonia"."Il vantaggio tecnico principale - spiega Andrea Massa, It support manager di Uli - è che il cliente può finalmente acquistare un modem mirato per le proprie esigenze, gli appassionati di domotica potranno scegliere modelli con il controllo integrato dei dispositivi; il cliente potrà utilizzare meccanismi di qos (quality of service) per gestire le priorità del traffico sia per la telefonia che per il gaming. Il voip libero permette sia di utilizzare il proprio numero di telefono su altri dispositivi come telefoni ip, centralini pbx e smartphone, ma anche di utilizzare sulla stessa connettività numerazioni voip di gestori differenti. Proprio per questi motivi, Uli, fin dalle prime connessioni internet, ha sempre lasciato liberi i propri clienti di acquistare liberamente il proprio apparato comunicando loro tutti i parametri di accesso e guidandoli alla configurazione”."Qualche precauzione - sostiene Vittorio Figini, amministratore di Uli - Dal momento che il modem non viene più fornito dall’operatore, è necessario ricordare che i provider Internet (escludendo un problema legato alla rete) non si faranno carico di quelli che dovessero sorgere con il dispositivo. In caso di guasto di questo sarà dunque necessario rivolgersi al produttore. Un altro aspetto importante da tenere in considerazione è la sicurezza, con un modem in comodato d’uso la sicurezza del dispositivo (aggiornamento firmware) viene eseguito direttamente dal provider, con il modem libero questa sarà di competenza del cliente finale. Sono proprio questi due aspetti che hanno sempre spinto i nostro clienti ad utilizzare il modem dai noi fornito".“Il diritto di scegliere liberamente le apparecchiature terminali (modem/router) con le quali collegarsi a Internet - chiarisce Giovanni Zorzoni, direttore generale di Mynet e membro dell’Associazione italiana internet provider (Aiip) - non risulta ancora pienamente riconosciuto dai grandi operatori italiani. Ribadisco che non esiste una reale impossibilità tecnica di erogare servizi voip su modem liberamente scelti dall’utente"."La creazione di sistemi chiusi - sottolinea - di soluzioni strettamente proprietarie, la spinta verso l’oligopolio-monopolio non minacciano solo il pluralismo del mercato delle tlc da un punto di vista economico, ma rappresentano un modello di sviluppo digitale distopico e pericoloso per le nostre società democratiche. Come Associazione italiana Internet provider partecipiamo da oltre un anno alla Free modem alliance, operante anche di fronte alla giustizia amministrativa, nella difesa dei diritti di scelta dei cittadini. Sono convinto che, nei prossimi mesi, assisteremo al suo graduale ma comunque inesorabile accoglimento di tale istanza anche da parte dei grandi operatori".

in evidenza
Diletta Leotta torna single Il gossip che scalda l'estate

Sport

Diletta Leotta torna single
Il gossip che scalda l'estate

in vetrina
Elezioni Sardegna e Lotti, nuove batoste per il Pd. Si scatena l'ironia social

Elezioni Sardegna e Lotti, nuove batoste per il Pd. Si scatena l'ironia social

motori
Nuovo Renault Koleos: il grande SUV diventa più stiloso e più confortevole

Nuovo Renault Koleos: il grande SUV diventa più stiloso e più confortevole

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
NUOVI PARAMETRI PER LA NOMINA DELL'ORGANO DI CONTROLLO O REVISORE NELLE SRL
A Milano nasce Codice Verde. Niente più code al Pronto Soccorso
di Paolo Brambilla - Trendiest
Se il Fisco o l'Inps non rispondono il debito si annulla

I sondaggi di AI

L'Unione europea minaccia la procedura di infrazione contro l'Italia. Che cosa ne pensi?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.