Roma, 29 mar. (Labitalia) - Personale più aggiornato e più in linea con i cambiamenti tecnologici di processo e di prodotto: è questa l'esigenza di oltre 550.000 imprese italiane, circa un terzo di quelle con almeno un dipendente, secondo quanto rilevato dall'indagine Inapp “Professioni e Competenze nelle imprese" (Pec-Inapp), giunta alla terza edizione. Dallo studio emerge che il 35,2% delle imprese con almeno un dipendente dichiara di avere ‘almeno una figura per cui si registra un fabbisogno da soddisfare con attività di aggiornamento’, con un dato medio nazionale per l’intera economia in crescita del 2,4%, rispetto al 2014 (precedente edizione dell’indagine). I fabbisogni più elevati di formazione e aggiornamento si registrano nei servizi e nei segmenti della manifattura a più alta intensità tecnologica: Chimica (37,7%), Elettronica (36,9%), Energia, acqua e rifiuti (35,3%) e Metalmeccanica (34,4%), ma sono particolarmente rilevanti anche nell’ambito dei servizi che riguardano le attività di Istruzione, sanità e servizi alle persone (47,8%) e il settore Comunicazione, attività finanziarie e altri servizi alle imprese (38,6%).Le professioni che registrano le esigenze più forti di aggiornamento sono quelle qualificate nelle attività commerciali e nei servizi (29,2%), degli Artigiani, operai specializzati e agricoltori (20,9%), delle Professioni esecutive nel lavoro di ufficio (20,8%) e delle Professioni tecniche (14,9%). La necessità di aggiornamento maggiore riguarda le competenze (skills) più che le conoscenze disciplinari, in particolar modo quelle relative al problem solving, alla capacità di pianificare l’utilizzo delle risorse e le abilità di tipo tecnico e competenze di tipo comunicativo e relazionale.A livello territoriale le imprese che segnalano maggiori esigenze di aggiornamento sono al Nord-Est con il 36,5%, A livello territoriale, le imprese che segnalano maggiori esigenze di aggiornamento sono il 36,5% al Nord-Est, il 36,3% al Nord-Ovest, il 34,5% al Sud e il 33,5% al Centro.Le piccole imprese manifestano una maggiore debolezza nel prefigurare i fabbisogni e elaborare strategie di medio-lungo periodo, mentre le aziende medio-grandi mostrano di percepire con maggiore facilità i fabbisogni di aggiornamento delle competenze da soddisfare con nuove attività formative. Il 76,5% delle imprese che hanno tra 50 e 249 dipendenti e l’87,8% di quelle con oltre 250 dipendenti manifestano un fabbisogno di aggiornamento di conoscenze e skills.

in evidenza
Diletta Leotta torna single Il gossip che scalda l'estate

Sport

Diletta Leotta torna single
Il gossip che scalda l'estate

in vetrina
Elezioni Sardegna e Lotti, nuove batoste per il Pd. Si scatena l'ironia social

Elezioni Sardegna e Lotti, nuove batoste per il Pd. Si scatena l'ironia social

motori
Nuovo Renault Koleos: il grande SUV diventa più stiloso e più confortevole

Nuovo Renault Koleos: il grande SUV diventa più stiloso e più confortevole

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
NUOVI PARAMETRI PER LA NOMINA DELL'ORGANO DI CONTROLLO O REVISORE NELLE SRL
A Milano nasce Codice Verde. Niente più code al Pronto Soccorso
di Paolo Brambilla - Trendiest
Se il Fisco o l'Inps non rispondono il debito si annulla

I sondaggi di AI

L'Unione europea minaccia la procedura di infrazione contro l'Italia. Che cosa ne pensi?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.